Continua l’assedio delle piogge.

Grandine dal Saronnese, stagione in crisi

Campi allagati e grandine che colpisce strutture, serre e impianti di orticole nel Saronnese, allettando fieno e colture in campo: è l’ultimo colpo messo a segno dal maltempo in una stagione già messa in crisi dalla continua alternanza di sole e pioggia. Il maltempo ha colpito ampie zone della pianura e della collina lombarda, con vigne devastate nel Pavese e campi allagati in provincia di Brescia: è il bilancio della grandine e delle bombe d’acqua che ieri si sono abbattute su alcune zone della regione. Gli effetti più gravi – precisa la Coldiretti in base alle prime stime – si sono registrati nell’Oltrepo Pavese, dove nel pomeriggio i chicchi di ghiaccio hanno pesantemente colpito i terreni coltivati a vite, mentre in Valle Sabbia si sono verificati allagamenti di campi e aziende agricole.

Il commento di Coldiretti

Ma ad essere colpito è stato anche il nordest Milanese, intorno al comune di Parabiago, e l’area a sud delle province di Varese e Como, in particolare – appunto – il Saronnese. Durante l’ultimo mese – spiega l’organizzazione agricola – tempeste di ghiaccio si sono registrate più volte, in diverse province, da Varese alla Brianza, dal Comasco al Lecchese, al Mantovano. Le continue bizze del tempo, che alterna giornate di beltempo a nubifragi, confermano i cambiamenti climatici in atto. In particolare, questa pazza primavera – conclude la Coldiretti – si classifica al quarto posto tra le più calde dal 1800, ma con il 21% di precipitazioni in più rispetto alla media storica, sulla base dei dati Isac CNR.