Legge sul defibrillatore da cambiare: dev’essere alla portata di tutti secondo i cardiologi italiani a convegno nei giorni scorsi a Milano.

Legge sul defibrillatore, lo studio rivela

Uno studio del Policlinico San Matteo di Pavia, presentato durante il congresso Acute Cardiovascular Care 2018 tenutosi a Milano dal 3 al 5 marzo e a cura dell’European Society of Cardiology, il Dae (defibrillatore semiautomatico esterno) è ancora troppo poco utilizzato. In molti luoghi pubblici queste macchine capaci di far ripartire un cuore in arresto, mediante scossa elettrica, sono presenti. Il problema principale è che non è possibile per i normali cittadini utilizzarli, può farlo solamente chi è in possesso di uno specifico certificato che attesti l’abilitazione all’uso.

Cambiare la legge

Sono molti gli esperti che ritengono che questa legge andrebbe rivista al più presto, per dare la possibilità a tutti i cittadini di usare il Dae. Dovrebbe essere rivista al più presto per estendere la possibilità di utilizzare i Dae a tutti i cittadini. Dallo studio del San Matteo è emerso che anche in mancanza di un training specifico, l’apertura dell’uso del macchinario, aumenterebbe esponenzialmente il numero di pazienti che si potrebbero salvare.

Leggi anche:  Dopo festival antirazzista a Pontida, striscione contro Balotelli

Facilità di utilizzo

I Dae sono strumenti facili da utilizzare: hanno solo due tasti, uno per accender il dispositivo e uno per erogare la scarica elettrica che deve far ripartire il cuore. Vi sono inoltre chiare e semplici istruzioni vocali che guidano l’operatore e valutano in autonomia se l’erogazione della scarica è necessaria o meno. A spiegare la facilità di funzionamento è l’autore dello studio Enrico Baldi, medico specializzando in Cardiologia presso l’Università di Pavia e il Policlinico San Matteo di Pavia, che sottolinea quanto sia impossibile forzare l’apparecchio e sbagliare la manovra, chi li usa, infatti, è esonerato da qualsiasi possibile responsabilità medica.

LEGGI ANCHE: “IL MINUTO DI SILENZIO PER ASTORI NON SIA VANO, ECCO COSA FARE PER SALVARE VITE”:

“Il minuto di silenzio per Astori non sia vano, ecco cosa fare per salvare vite”