Locate in lutto piange la scomparsa di Edoardo Castiglioni, da tutti soprannominato Dino, venuto improvvisamente a mancare martedì mattina. Tutta la comunità si è stretta giovedì mattina nella chiesa parrocchiale per l’ultimo saluto.

Locate in lutto: Castiglioni era il pilastro del centro anziani

Classe 1938 (il prossimo 28 maggio avrebbe compiuto 80 anni), era nato e cresciuto a Locate ed era conosciuto da tutti soprattutto come guida storica del Centro Sociale Anziani di via Carena: presidente per più di dieci anni (dal 1999 al 2010), nel 2014 era stato rieletto vicepresidente, incarico che ha continuato a ricoprire, nonostante gli acciacchi, fino alla sua scomparsa. «Siamo rimasti sconvolti per la morte improvvisa del nostro Dino. Una persona socievole che ha dato tutto per il Centro, era sempre preoccupato per la gestione anche quando non poteva partecipare. Attivo fino all’ultimo, era presente alla castagnata di ottobre con i bambini della scuola primaria e poi ha aiutato ad organizzare le manifestazioni natalizie. Il suo ultimo contatto telefonico è stato il 31 dicembre quando ci ha augurato buon anno», lo ricordano il presidente del Centro Anziani Renzo Mangili e il segretario Flavio De Stasio che, a nome di tutti i soci, esprimono vicinanza e cordoglio ai familiari.

Locate in lutto per il suo paladino del sociale

Castiglioni era stato anche uno dei fondatori, nonché attuale consigliere del coordinamento provinciale comasco di ANCeSCAO: «Ricordiamo con affetto la sua partecipazione e collaborazione alla gestione del coordinamento. Una persona molto propositiva e sempre disponibile», commenta la vicepresidente di ANCeSCAO Como Rosangela Ferrario, insieme a tutto il direttivo, al presidente Stefano Arena e alla presidente onoraria Anna Tettamanti che proprio con Castiglioni fondò il coordinamento provinciale.

Leggi anche:  Il baseball e il softball piangono Vittorio Pino

 

Il sindaco: “Era un punto di riferimento”

“L’intera Locate in lutto, è stata una delle colonne portanti nel campo del sociale”, ricorda il sindaco Daniela Grimoldi. “Per l’amministrazione è stato un punto di riferimento del centro anziani, sia durante gli anni condotti da presidente, sia dopo. Una persona gentile e dai modi cordiali e concilianti, sempre pronto metterci la faccia in prima persona per il bene del suo Centro; sempre presente e attivo a 360 gradi. Con lui abbiamo iniziato la collaborazione con le scuole, la tradizione della castagnata e la serie di conferenze sulla salute e sulla prevenzione alle truffe e ai furti. Cercava insomma di fare tutto quello che poteva per rendersi utile alla comunità”. Una persona speciale, di cui non ha giovato soltanto Locate. Negli ultimi tempi infatti, Dino si era lanciato in un nuovo progetto: utilizzato le competenze acquisite in anni e anni di lavoro, stava recuperando e aggiustando delle vecchie macchine da cucire, che con la collaborazione di Camillo Colombo inviava in Africa.