Occhio alle truffe! Non è il solito allarme ingiustificato quello che arriva dagli uffici di Nuovenergie. La società rhodense ha purtroppo toccato con mano quanto il fenomeno stia dilagando e ha invitato i suoi clienti ad “alzare le antenne” e ad essere ancora più attenti del solito.
Nei giorni scorsi, infatti, agli sportelli della società di corso Garibaldi sono giunte diverse allarmanti segnalazioni da parte di clienti che, nel territorio di Rho e nei comuni limitrofi, hanno ricevuto visita presso la loro abitazione o una telefonata da parte di operatori che, spacciandosi per Nuovenergie, ricorrono ad espedienti per farsi comunicare dati personali o tecnici e spesso richiedono una firma del cliente per una modifica delle condizioni contrattuali.

«Non sono sicuramente nostri dipendenti – assicura il direttore generale di Nuovenergie Luca Galetti – Tra l’altro, la nostra azienda non opera sul territorio tramite telemarketing e pertanto invitiamo i nostri clienti a diffidare di presunti operatori che cercano di prendere appuntamenti e che, tramite tecniche di concorrenza sleale, cercano di ottenere i dati della fornitura della bolletta gas o di energia elettrica».
In particolare, questi agenti formulano miracolose promesse di risparmio diffamando la società di corso Garibaldi o dando informazioni false. «Alcuni clienti residenti a Rho – continua Galetti – ci hanno segnalato che questi operatori stavano chiamando o facendo visita per conto di Nuovenergie per richiedere un aggiornamento delle condizioni contrattuali. Invito i nostri clienti a stare molto attenti perché si tratta di informazioni non veritiere.

Se qualcuno ha bisogno di delucidazioni su qualche aspetto, ci invi una mail a contatti@nuovenergiespa.it oppure si rivolga al nostro servizio clienti al numero 800 917 796, in modo da risolvere qualsiasi dubbio. Inoltre abbiamo attivato un osservatorio allo scopo di procedere legalmente a tutela del consumatore e del buon nome della nostra società».
Inoltre, il consiglio di Nuovenergie è quello di non firmare nulla e di non fornire copia della bolletta. «Forse non tutti lo sanno – conclude il direttore generale di Nuovenergie – ma tramite i dati in essa contenuti un qualsiasi operatore riesce a disattivare la fornitura in corso e a sostituirla con un altro venditore, normalmente molto più costosa».

Leggi anche:  Astuti "Preoccupato per l’inefficienza della sanità lombarda"

L’obiettivo dei truffatori, infatti, è sempre quello di estorcere firme e dati tecnici con i quali operare il cambio di fornitore e attivare un nuovo contratto. In particolare, cercano di ottenere dai clienti dati come POD e PDR, cioè i codici identificativi dell’utenza di luce o gas, solitamente riportati nella parte superiore della bollette, e così attivare un nuovo contratto. Infatti, a chi viene contattato telefonicamente, normalmente il truffatore dice di aver bisogno di un chiarimento sui dati dell’utente e sui suoi codici identificativi, magari giustificandolo col classico “perché paga troppo”. Da qui la classica richiesta: «Se mi fornisce il codice facciamo un controllo, rimettiamo a posto le cose e le applichiamo una tariffazione più conveniente». E purtroppo, soprattutto nel caso di persone anziane, la truffa riesce.

Speriamo che questo non accada; ma è bene sapere che nel settore gas e luce le regole che proteggono i consumatori sono tra le più tutelanti, e quindi ci sono tutti i margini per tornare indietro. Se, infatti, doveste ricevere un contratto o addirittura la prima bolletta del nuovo fornitore, potete chiedere l’annullamento del “contratto non richiesto” e il ripristino del precedente entro 30 giorni dalla scadenza della bolletta o entro 45 giorni dalla ricezione del contratto. Così come si può sempre contestare qualsiasi contratto sottoscritto tramite registrazione telefonica se il vostro consenso è stato raccolto senza che abbiate prima ricevuto la documentazione contrattuale perché non vale più la registrazione vocale alla prima chiamata.

Scopri di più su Nuovenergie, visita il sito www.nuovenergiespa.it