Servizio intercomunale Polizia locale, le minoranze chiedono chiarimenti.

Servizio intercomunale Polizia locale, Per Uboldo dubbiosa

Dal 1° Giugno 2017 è attivo il Servizio Intercomunale di Polizia Locale Origgio – Uboldo per la gestione associata del servizio di Polizia Locale dei comuni di Origgio e Uboldo. “L’accordo tra i due Comuni ha comportato l’istituzione di un Comando Unico di Polizia Locale con Comune Capofila Origgio, sede ad Origgio, identificazione di un solo Comandante della Polizia Locale (quello di Origgio), trasferimento di tutti gli agenti di Polizia Locale ad Origgio così come mezzi e armi – si legge nel comunicato –  L’accordo prevede che ciascun Comune contribuisca a questo nuovo servizio con una quota (€ 4,90) per cittadino. Dunque Uboldo più grande pagherà di più, mentre il ricavato delle sanzioni (multe) sarà diviso al 50%”.

Le perplessità della minoranza

A quasi dieci mesi dall’attivazione del nuovo servizio il gruppo di minoranza precisa di aver spesso sentito il sindaco del Comune di Uboldo e l’Assessore alla Sicurezza del Comune di Uboldo esprimersi in maniera molto positiva sul servizio. “In tutto questo tempo, però, non abbiamo mai sentito o letto alcuna dichiarazione da parte di colui che è il Capofila per il coordinamento, l’attuazione e la gestione del Servizio Polizia Locale (così recita la convenzione): ovvero il sindaco del Comune di Origgio, Mario Ceriani – si legge ancora – Vista la sua posizione di Capofila riteniamo sia giusto che anche Ceriani, esprima il suo parere, magari supportato da una relazione del Comandante del Sevizio, sull’andamento del Servizio. La posizione dell’Amministrazione comunale di Uboldo, anche contro quella che è la percezione o il parere dei cittadini, l’abbiamo capita”.