Studenti australiani al maniero di via Dante.

Studenti australiani scoprono il Palio

Continua il rapporto di collaborazione tra la contrada Legnarello e il mondo della scuola. A suggellare questo sodalizio, che dura ormai da diversi anni, martedì 5 dicembre il maniero di via Dante ha ospitato degli studenti australiani in visita a Legnano nell’ambito di un progetto di scambio interculturale iniziato 14 anni fa tra il liceo Galileo Galilei e un istituto nelle vicinanze di Melbourne.

Studenti australiani in visita a Legnarello
Studenti australiani in visita a Legnarello

Visita alla Croce di Ariberto d’Intimiano

Grazie alla disponibilità del parroco don Giuseppe Prina, la serata non poteva non iniziare con una visita alla Croce di Ariberto d’Intimiano custodita nella chiesa del Santissimo Redentore, chiesa particolarmente apprezzata dai ragazzi per la sua maestosità e la sua bellezza.

Cena in maniero

Ritornati in maniero, una cena conviviale è stata l’occasione per apprezzare l’importanza di questo tipo di iniziativa di cui la professoressa Ornella Ferrario è promotrice da parecchio tempo; la possibilità per ragazzi di culture diverse di potersi confrontare e vivere un’esperienza unica nel suo genere.

Leggi anche:  Fabizio Sala: "Protezione Civile e sport uniti nella solidarietà"
Studenti australiani in visita a Legnarello
Un momento della cena

L’incanto dei costumi del Palio

Prima dei saluti l’immancabile visita nella sartoria di contrada in cui i ragazzi hanno ammirato la bellezza dei costumi del Palio di Legnano. “I ragazzi australiani – spiegano dalla contrada giallorossa – rimanendone estasiati e immedesimandosi per qualche istante nel ruolo di capitano e castellana”.

Studenti australiani in visita a Legnarello
L’incanto dei costumi del Palio

I rigraziamenti

La contrada Legnarello ringrazia “il liceo Galileo Galilei, la professoressa Ornella Ferrario e tutti i docenti che hanno partecipato alla serata consentendo alla nostra città di aprire una vetrina sul mondo per quella che è la manifestazione più importante di Legnano”.