Quattro corsi per arredare casa fai da te. E’ il momento di scegliere a quale corso iscriversi per poter occupare in modo costruttivo i lunghi pomeriggi autunnali e invernali. A chi non ama il movimento, possono confacersi corsi diversi, per esempio di hobbistica. Ecco alcuni esempi.

Quattro corsi per arredare casa fai da te, iniziamo col decoupage

Decoupage: Il termine deriva dal verbo francese decouper e significa ritagliare. Si tratta di decorare delle superfici con immagini di carta ritagliate, incollate e poi “vetrificate” con vari tipi di vernici trasparenti. I corsi proposti permettono di riscoprire le tecniche tradizionali…

Spazio poi allo Stencil

Molto diffusi nei negozi di colori anche gli… “Ingredienti” per fare Stencil che, grazie a una maschera permette di riprodurre le stesse forme, simboli o lettere in serie. Naturalmente, ognuno può fare da se la maschera utilizzando un foglio di cartoncino. Per fare Stencil il nostro consiglio è quello di rivolgervi agli addetti ai lavori che vi offriranno tutti i prodotti e il materiale necessario. Le maschere dello Stencil sono molto utilizzate per realizzare greche e decori ripetitivi.

Leggi anche:  8 segreti per prevenire i furti domestici

Biedermeier

E’ una tecnica di decorazione, ma anche stile di arredamento e atteggiamento culturale, nata in Austria nel diciannovesimo secolo. Biedermeier è il nome di un personaggio di una rivista satirica tedesca pubblicata dopo il 1850. Le composizioni non si limitano a deliziare gli occhi ma, grazie a spezie profumate quali i chiodi di garofano, l’anice, la cannella e la noce moscata stuzzicano delicatamente anche l’olfatto. Queste spezie si impreziosiscono con perline avanzate dalla rottura di una collana, con nastrini di raso, con canutiglia (filo dorato, argentato o ramato attorcigliato), bacche raccolte durante le passeggiate e deliziose passamanerie…

Bambole

Prima che la plastica prendesse il sopravvento l’arte di creare bambole di pezza era diffusa fra mamme e nonne che, con avanzi di tessuto o di vecchi abiti smessi, lana e tanta fantasia, creavano per le loro bimbe calde bambole da abbracciare e con cui condividere tanti giochi.