Aggressione nei boschi. Un uomo è stato ritrovato insaguinato sul ciglio della strada ieri, giovedì 31 maggio, intorno alle 20.30.

AGGIORNAMENTO 16 – Può davvero considerarsi miracolato l’uomo che è stato trovato ieri sul ciglio della Sp23. L’uomo, Bnammar Abderahmein, classe 1987 e originario del Marocco, avrebbe ricevuto un colpo di pistola alla bocca ma è comunque riuscito a sopravvivere. L’aggressione potrebbe essere avvenuta per motivi legati allo spaccio di droga. Indagano i Carabinieri di Cantù.

Aggressione nei boschi

La brutale aggressione si è verificata a Lomazzo. Un uomo di origine nordafricana, presumibilmente tra i 20 e i 30 anni, è stato aggredito nei boschi e ritrovato sul ciglio della Sp23. Insaguinato, il giovane aveva una ferita alla testa. Sul posto sono prontamente arrivate la Croce Azzurra di Cadorago e un’automedica per prestare le prime cure. La vittima è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Sant’Anna. Si trova in osservazione privo di coscienza. Le sue condizioni sarebbero gravi. A Lomazzo presenti anche i Carabinieri di Cantù a cui spetterà il compito di indagare sulla vicenda.

Leggi anche:  " Basta spaccio" nel Parco delle Groane

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU