Prima ha detto di essersi fatto male al lavoro, poi in casa. Alla fine il Commissariato della Polizia di Stato di Rho-Pero ha fatto emergere la verità: l’uomo si è infortunato rubando una bicicletta del Comune di Milano.

I fatti

Due settimane fa personale del Commissariato  Rho Pero interveniva nel primo pomeriggio presso il complesso fieristico di Rho in quanto era stato segnalato un infortunio sul lavoro.

Sul posto i poliziotti accertavano che poco prima un cittadino italiano, T.G. di 43 anni, mentre  lavorava con un flessibile si procurava una lesione all’occhio destro.

Le notizie venivano raccolte dai poliziotti da alcuni testimoni presenti in quanto T.G. era stato già trasportato d’urgenza all’ospedale Sacco. Il personale del Commissariato di Rho Pero ha contattato il medico responsabile del pronto soccorso che riferiva loro che T.G. era stato medicato all’occhio e subito dimesso con 8 giorni di prognosi dichiarando nella circostanza che si era fatto male mentre si trovava nella sua abitazione.

Accertata l’incongruenza tra i fatti accaduti e quanto dichiarato ai medici dall’infortunato il Commissariato ha avviato una indagine dalla quale emergeva che T.G. lavorava in nero per conto di una ditta che opera all’interno di Fiera Milano a Rho.

Leggi anche:  Omicidio Corsico: trovato l’assassino del 54enne senegalese

Le indagini

Le indagini consentivano di accertare che l’uomo, benché si trovasse a lavorare all’interno del complesso fieristico, non risultava nell’elenco delle persone a cui viene rilasciato un pass di accesso. In pratica non risultava aver fatto mai eccesso in Fiera.

Ma non solo, le indagini accertavano che T.G. aveva fatto ingresso all’interno del complesso fieristico di Rho Pero con un furgone non censito con all’interno una bicicletta, risultata poi rubata, di quelle messe a disposizione in città dal Comune di Milano.

La verità

T.G. si era procurato la lesione all’occhio destro mentre con il flessibile stava cercando di rompere la targhetta metallica di riconoscimento della bicicletta del Comune di Milano.

Al termine delle indagini,  T.G. è stato indagato per furto aggravato; gli atti riguardanti l’attività di lavoro in nero dallo stesso effettuato per conto di un’azienda che operava all’interno di Fiera Milano di Rho, saranno trasmessi all’ispettorato del lavoro e all’Asl per gli adempimenti di competenza.