Licenziato per assenza ingiustificata il tribunale dà ragione al comune

Licenziato a Corbetta un furbetto del cartellino

Licenziamento confermato per il furbetto del cartellino Graziano Guerino. L’uomo aveva fatto ricorso al tribunale per ottenere il reintegro. Il tribunale invece ha dato ragione al comune e al Segretario Generale Selene Lupacchino. L’operaio si era assentato senza permesso dal lavoro. Aveva chiesto a un collega di timbrare per lui e così ha perso il lavoro.

La reazione del Sindaco Marco Ballarini

Il primo cittadino di Corbetta è molto amareggiato per l’accaduto, ma ha tenuto a sottolineare un concetto: “Non è mai una vittoria per nessuno quella che si conclude con un licenziamento di un dipendente. Questa Amministrazione ha dichiarato fin dal giorno del suo insediamento,  che non ci sarebbe stata alcuna tolleranza nei confronti dei disonesti – e così è stato, poi conclude – per fortuna, la grandissima parte dei dipendenti del municipio di Corbetta è integra, qui la disonestà non è tollerata”.

Ma non è finta qui…

E’ stata sospesa per 10 giorni anche l’agente di Polizia Locale Lina Narciso, che aveva timbrato per poi andare a bere un caffè, mentre in comune qualcun altro usciva senza permesso…