Depositate le motivazioni della sentenza di condanna a 30 per Laura Taroni, l’ex infermiera di Lomazzo responsabile delle morti in corsia all’ospedale di Saronno.

Morti in corsia, i perchè della sentenza

Nessuna attenuante generica riconosciuta, nessun pentimento e versioni contraddittorie, indicative “di una scelta processuale opportunistica volta a mitigare il proprio ruolo e la propria responsabilità a discapito del compagno”. Nelle motivazioni della sentenza emessa dal giudice di Busto Sara Cipolla c’è tutto l’orrore emerso a fine 2016 con l’inchiesta Angeli e Demoni. Si parla di “odio irrazionale quanto ancestrale” nei confronti della madre assassinata Maria Rita Clerici. E verso l’altra vittima dell’infermiera, il marito Massimo Guerra, di un ” tesissimo rapporto di coppia tra i due sfociato quantomeno dall’estate del 2011 in un rapporto patologico caratterizzato dalla sottoposizione di Laura Taroni a pratiche sessuali estreme per volontà del coniuge”.

Il servizio completo con tutte le motivazioni della sentenza su La Settimana di Saronno di venerdì 1 giugno.

Puoi leggere qui tutti i nostri articoli sulla vicenda e i processi dell’inchiesta Angeli e Demoni.