Ignoti scavalcano i cancelli del centro Arca e rubano bicicletta

Ogni furto è riprovevole. Ma quello accaduto al centro Arca di via Montenero a Tradate è un gesto davvero inqualificabile e vigliacco, perché va a colpire le persone più indifese.

Due malviventi sono riusciti a superare i cancelli del centro e rotta la catena rubano la bicicletta elettrica ad un disabile tradatese che stava seguendo un laboratorio all’Arca. Portano via un meszo da 1300 euro di valore e ne lasciano un altro vecchio.

Rubano bicicletta: disabile traumatizzato: “Era la sua autonomia, la usava per spostarsi in città”

«Un evento traumatico, ne ha risentito il suo equilibro psico-fisco. Quel mezzo era davvero fondamentale per lui, rappresentava la sua autonomia. Gli permetteva di spostarsi liberamente, di andare a fare la spesa anche per l’anziana madre, di raggiungere la piscina o il centro Arca», commentano i genitori dell’Arca denunciando il riprovevole atto furtivo. «Quella due ruote, che gli era stata regalata, la custodiva come un gioiello”.Non è tanto il danno economico (la bici aveva un valore di 1300 euro), ma quello morale.  “Sono dei ladri senza scrupoli, aver rubato la bici al nostra ragazzo dell’Arca è come sottrarre una carrozzina a un paraplegico”

I furti di bici sono frequenti: due ladri 17enni sono stati smascherati dagli agenti dalle telecamere

Purtroppo negli ultimi mesi i furti di biciclette sono stati molto frequenti. Non altrettanti però i casi in cui i balordi sono stati assicurati alla giustizia. Solo il furto all’atleta lonatese derubato a fine settembre in via Toti è stato scoperto.  A seguito delle  indagine condotte dal Comando di Polizia locale, avvallandosi delle immagini delle telecamere, gli agenti sono riusciti a identificare e denunciare i ladri , due 17enni di Locare e Tradate, e a restituire la bici (dal valore di 500 euro) al legittimo proprietario.

Leggi anche:  Ac Meda in lutto per il suo campione: "Ciao Fily, ora giochi con gli angeli"

La richiesta: “Più telecamere di videosorveglianza”

«Se ci fossero state le telecamere a sorvegliare la struttura (che ospita il centro disabili Arca, l’Aquilone, la materna e l’asilo nido) ci sarebbero state più possibilità di mascherare quei vigliacchi. Confidiamo nella sensibilità del Comune affinchè possa installare occhi elettronici anche nell’area di via Montenero», riflettono i genitori indignati. Nei giorni scorsi l’Amministrazione Galli ha previsto di installare gli occhi elettronici agli ingressi della città con  sette varchi.