Identificate e denunciate per concorso in detenzione illegale d’arma da fuoco e in lesioni gravi tre persone dopo gli spari di ieri pomeriggio in via Micca che hanno ferito un 19enne.

Spari in casa, trovato il colpevole

Sono stati denunciati un italiano di 62 anni e i due figli di 26 e 22 anni, di Legnano, per gli spari in casa esplosi ieri in un condominio di via Micca. Denunciati a piede libero per detenzione e porto illegale di arma da fuoco in concorso e di lesioni gravi in concorso. Chi ha premuto il grilletto, un paio di volte stando alle testimonianze, ha infatti ferito al polpaccio un 19enne albanese. Per lui, 30 giorni di prognosi: è ricoverato a Legnano dopo l’operazione per la rimozione del proiettile.

La lite poi gli spari

Com’era stato anticipato ieri, all’origine dei colpi di pistola sembra esserci una lite condominiale. Che coinvolgeva forse una famiglia che occupa abusivamente uno degli appartamenti. Dalla ricostruzione dei fatti, sembra che a litigare fossero comunque due famiglie (una, quella denunciata) per motivi di convivenza condominiale, e che il 19enne potesse non essere l’obiettivo degli spari. Per quanto riguarda i tre denunciati chi aveva premuto il grilletto si era reso irreperibile ed è stato rintracciato dai carabinieri qualche ora dopo.