Pizzicato fuori dal cimitero l’8 marzo, portato in Questura dalla Polizia locale di Bollate un venditore abusivo di fiori.

Venditore abusivo di fiori, senza documenti

Vendeva fiori fuori dal cimitero l’uomo originario del Bangladesh che l’8 marzo è stato portato in Questura dalla Polizia locale bollatese. Scopo, verificare la sua legittima presenza in Italia. L’uomo era stato sorpreso fuori dal cimitero di via Repubblica a vendere abusivamente fiori. Quando gli agenti gli hanno chiesto i documenti, lui ha mostrato solo il passaporto, dichiarando di non avere il permesso di soggiorno. Dalle verifiche svolte in Procura, si è poi scoperto che l’uomo fosse già stato espulso in precedenza ma avesse ignorato il procedimento. È seguita la denuncia per quel reato e il fermo in Questura per quanto di competenza.

Il plauso dell’assessore

Il plauso alla Polizia locale viene dall’Assessore alla Sicurezza Marco Marchesini.  “Ringrazio gli agenti di Polizia locale per il lavoro svolto e per il tempo dedicato.  Un’attività molto impegnativa in termini di tempo per i vari passaggi procedurali che richiede. Proseguiremo su queste e altre iniziative finalizzate a garantire la maggior sicurezza possibile ai nostri cittadini”.