Ricetta risotto con le rane: una tipica ricetta del vercellese, in quanto negli anni passati le risaie erano piene di rane. Oggi però sono un alimento sempre più raro, a causa dei moderni metodi di coltura che prevedono vari periodi di asciutta in risaia, con conseguente decimazione dei girini. Ecco di seguito la “vera” ricetta del risotto alle rane, tratta da “La Cucina Piemontese”, di Alessandro Molinari Pradelli, uno scrittore che si occupa da anni di civiltà e cultura contadina.

Ingredienti per ricetta risotto con le rane

Per 6 persone. 500 gr di riso Carnaroli, 24 rane già pulite, un po’ di latte, uno spicchio di aglio, una carota, un po’ di prezzemolo, 2 cipollotti tritati, 100 grammi di burro, 3 cucchiai di olio d’oliva, 1 litro di brodo, 50 grammi di formaggio grana grattugiato, sale e pepe.

E poi la preparazione

Mettere a bagno per alcune ore le rane in acqua e latte, scolarle, asciugarle e staccare loro le cosce. Queste andranno fatte soffriggere in padella nell’olio cui si è aggiunto il trito di aglio, carota e prezzemolo. A parte, in una pentola, lessare in acqua salata il resto delle rane la cui polpa cotta andrà poi passata al setaccio. In una casseruola (ideale se di rame) far poi soffriggere in metà burro i cipollotti tritati, spolverizzandoli con il pepe. Nel soffritto tostare il riso e cuocerlo aggiungendo, via via, brodo caldo. Al riso unire poi il composto di polpa di rane. A giusta cottura amalgamare il tutto con il formaggio e la metà del burro rimasta. Disporre il risotto nel piatto di portata e ricoprirlo con le cosce di rana irrorandole con il loro fondo di cottura.