Contrada Legnarello: terzo appuntamento sul Medioevo

Venerdì scorso, 9 Febbraio, la Contrada Legnarello, in occasione del terzo appuntamento dell’XI ciclo di conferenze dedicate al Medioevo ed al Medievalismo,  ha fatto il tutto esaurito nella sala d’armi del Maniero di Via Dante, affollata per ascoltare il dottor Gian Luca Bovenzi, storico del tessuto e volto già noto al pubblico legnanese.

La serata

La serata è stata aperta da Amanda Colombo che ha presentato il libro  “La dama e l’unicorno” di Tracy Chevalier. Il romanzo è incentrato sulle vicende della famiglia Jean La Viste. Il mondo descritto da Chavalier e presentato da Amanda Colombo è ricco di contaminazioni stilistiche e simboliche.Proprio in questa direzione il dottor Gian Luca Bovenzi ha intrattenuto il pubblico in sala presentando, in una carrellata di esempi pittorici, stampe, incisioni ed esempi di frammenti di tessuto, quanto il mondo tessile occidentale sia frutto di una complessa e continua “contaminazione” e scambio tra Estremo Occidente e Estremo Oriente.La serata si è conclusa con una serie di domande che hanno permesso di scoprire anche alcune curiosità sulla storia del costume orientale.

Leggi anche:  Mercato contadino, produttori e bontà protagonisti

Il prossimo incontro

Venerdì 23 febbraio alle 21 in Villa Jucker, sede della Famiglia Legnanese, la professoressa Rosa Maria Martin i Ros, conservatore del Museo del Disseny (Barcellona) e vicepresidente del CIETA (Centre International d’Etude des Textiles Anciens, Lione), terrà una lectio magistralis sul ricamo nel Medioevo. L’ingresso come sempre sarà gratuito senza necessariamente prenotarsi.