Ahimè, dal 1° di gennaio c’è stato un significativo incremento del costo dell’energia: sulla bolletta di una famiglia tipo l’incremento è pari al +5,3% per le forniture elettriche e al +5% per quelle del gas. Non l’hanno deciso i fornitori di energia elettrica o gas metano: anche loro hanno dovuto subire questo aumento. Lo prevede l’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori nei servizi di tutela stabilito dall’Autorità per l’energia.

E’ giusto, però, che si sappiano le ragioni di questi aumenti. E sono tante.

Per quel che riguarda l’energia elettrica è determinato innanzitutto dalla crescita dei costi di approvvigionamento, dovuta sia a fattori positivi come la ripresa dei consumi (+1,6% la domanda elettrica in Italia nei primi 11 mesi del 2017), ma anche a fattori negativi quali l’indisponibilità prolungata di alcuni impianti nucleari francesi, alcune limitazioni nei transiti di elettricità nella rete italiana, soprattutto nel Sud-Italia, e la minore disponibilità di nostra energia idroelettrica per la scarsa pioggia del periodo (si pensi che il 2017 è stato il più “arido” degli ultimi 200 anni). Paghiamo anche il rafforzamento delle agevolazioni per le industrie manifatturiere grandi consumatrici di energia che ha determinato l’aumento degli oneri generali di sistema.

Meno ancora i fornitori possono intervenire sugli incrementi del gas, visto che è sostanzialmente determinato dalle dinamiche legate alle stagioni invernali, con consumi e quotazioni in aumento a livello europeo, che – in un mercato unico – coinvolgono anche il mercato italiano. Senza dimenticare che si subisce anche la riduzione del 50% della capacità di utilizzo del gasdotto Tenp per manutenzione, il gasdotto che collega i giacimenti olandesi all’Italia.

Leggi anche:  Motta Visconti, con l'App Spazioscuola pasti e servizi scolastici su smartphone

Fino al 23 febbraio i nuovi clienti possono sottoscrivere un contratto che prevede uno sconto di 100 euro

Di fronte a questa situazione a cui, come detto, anche i fornitori di energia elettrica o gas metano purtroppo hanno dovuto sottostare, Nuovenergie ha deciso di venire incontro a chi intende usufruire dei suoi servizi o già è cliente. E ha proposto un’offerta speciale, una sorta di “Saldi fuori tutto dell’energia”. In cosa consiste? Fino al prossimo 23 febbraio c’è la possibilità, per i nuovi clienti, di sottoscrivere un contratto che prevede uno sconto di 100 euro sulle bollette “gas&luce” oltre al 10% sulla componente Energia e al 5% sulla materia prima Gas. E per chi è già cliente per il gas, Nuovenergie riserva uno sconto ulteriore sulla fornitura di energia elettrica.

Basta prenotare una chiamata oppure inviare una mail a contatti@nuovenergiespa.it indicando l’intenzione di sottoscrivere il contratto e allegando una copia della bolletta: si verrà ricontattati al più presto da un consulente di Nuovenergie che spiegherà tutti i dettagli dell’offerta e darà le indicazioni per aderire.

Scopri di più su Nuovenergie, visita il sito www.nuovenergiespa.it

 

Informazione pubblicitaria