Cooperativa Latte Abbiatense: festa ad Albairate per i 50 anni di attività, celebrazioni anche per i 50 anni di presidenza di Mario De Vecchi

Cooperativa Latte Abbiatense: ad Albairate la festa per i 50 anni

La Cooperativa Latte Abbiatense, con sede ad Albairate lo scorso 8 dicembre ha compiuto 50 anni di attività. Una ricorrenza questa che è stata celebrata con una festa conviviale nell’ex convento dell’Annunciata di Abbiategrasso, cui hanno partecipato 170 persone. Tra questi: i soci produttori di latte, i titolari delle grandi aziende italiane che trasformano il latte abbiatense in prodotti genuini e di alta qualità apprezzati in tutto il mondo, il sindaco del Comune di Albairate, Giovanni Pioltini, che ospita la sede della Cooperativa, imprenditori e amministratori.

Mario De Vecchi, alla guida della Cooperativa da 50 anni

È stata anche l’occasione per festeggiare i 50 anni di presidenza di Mario De Vecchi, che ha guidato sin dalla nascita la Cooperativa facendola crescere, anno dopo anno, esaltando da un lato i rapporti umani, dall’altro un modello di gestione efficiente. Ha ricevuto le congratulazioni e la stima dei vicepresidenti Luigi Bontempi e Alberto Oldani a nome del consiglio e dei soci, dal presidente Coldiretti di Milano Lodi e Monza Brianza Alessandro Rota, dal direttore regionale gel Gruppo Intesa Sanpaolo Mauro Federzoni e dal sindaco Giovanni Pioltini, che ha presentato uno speciale video con interviste fatte a diversi produttori e trasformatori di latte legati alla Cooperativa.

Leggi anche:  Lezione a Palazzo Pirelli per la scuola media "Tosi"

Il sindaco Pioltini: “Cooperativa eccellenza del nostro territorio”

«È emerso che Mario De Vecchi è davvero un uomo molto stimato nel territorio perché ha sempre posto al centro dell’attività i rapporti umani, la lealtà, curando come un buon padre di famiglia gli interessi dei produttori di latte. – ha affermato il sindaco Pioltini -. Quella della Cooperativa è una storia straordinaria, una eccellenza del nostro pregiato territorio nata l’8 dicembre del 1967 dalla volontà di 17 allevatori, allo scopo di unire i propri sforzi per valorizzare il proprio metodo di lavoro. È diventata un esempio positivo nel mondo agricolo».