Tradate per tutti. Gli studenti dell’istituto don Milani col il supporto degli studenti del comprensivo Galilei analizzeranno alcuni percorsi, per individuarne le criticità per poi proporre all’Amministrazione comunale ipotesi di intervento per una mobilità adatta anche a chi incontra quotidianamente più difficoltà negli spostamenti urbani.

Tradate per tutti: sabato studenti in campo per abbattere ogni barriera

 

L’iniziativa, Tradate per tutti, promossa dal Gruppo Welfare Disabili vede protagonisti gli studenti dell’istituto Don Milani in un progetto di alternanza scuola-lavoro in convenzione con il Comune di Tradate e prevede una attenta e capillare valutazione delle situazioni critiche del territorio. Come è già avvenuto nello scorso anno, i risultati di questo monitoraggio verranno successivamente presentati alla cittadinanza e alcune situazioni saranno studiate attentamente dagli studenti che proporranno all’amministrazione comunale le soluzioni, sotto forma di veri e propri progetti.

Dal centro ai quartieri di Abbiate e Ceppine

 

L’edizione 2017 di Tradate per tutti aveva coinvolto le strade del centro di Tradate mentre durante la mattinata di sabato 17 marzo 2018 le pattuglie colorate esploreranno il centro di Abbiate Guazzone, viale Marconi e dintorni più la frazione Ceppine, con il prezioso supporto della Polizia locale, della Protezione Civile, del gruppo Alpini, dell’associazione Quelli delle Ceppine e del Rione Allodola.

Leggi anche:  Esami di maturità 2018 | prima prova anche per Donnarumma

Anche quest’anno è prevista la partecipazione dei ragazzi della scuola secondaria Galileo Galilei che parteciperanno attivamente al monitoraggio e alla preparazione dell’evento di presentazione dei risultati, previsto per maggio.

L’idea del gruppo welfare nata nel 2017 ha coinvolto gli alunni di Don Milani e Galilei

Un’idea che era nata tra i volontari del Gruppo Welfare Disabili cittadino e con l’appassionato coinvolgimento dei docenti dell’ISSIS Don Milani e dell’Istituto Galilei ha man mano preso forma ed è diventato un vero e proprio evento.