Settegiorni > Cronaca > Omicidio Marilena Re: spunta il movente economico
Cronaca Legnano e Altomilanese -

Omicidio Marilena Re: spunta il movente economico

E' stato accertato che la Re avesse dato più di 90mila euro da custodire ai conuigi Clericò

Omicidio di Marilena Re, soldi prestati a Clericò e consorte

Soldi dietro l’ormai probabile omicidio di Marilena Re

La 58enne promoter di Castellanza Marilena Re, scomparsa lo scorso 30 luglio pare sia stata uccisa. Oggi durante la conferenza stampa indetta dalla Procura di Busto Arsizio sono state svelate delle scoperte molto rilevanti che hanno portato l’indagine a una svolta. E’ infatti stato accertato che la Re nel 2014, avesse dato ai coniugi Clericò dei soldi in custodia. Denaro che avrebbe dovuto versare all’ Agenzia delle Entrate in data 31 luglio 2017. Il giorno dopo la sua scomparsa.

Il debito con il Fisco

Marilena Re aveva un debito pregresso col Fisco, la cifra dovuta dalla donna si aggirava intorno agli 80mila euro. Durante la conferenza stampa ha parlato il Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio Gianluigi Fontana:“Nell’ultimo periodo la donna avrebbe appreso che l’indagato non era più in possesso del suo denaro poiché lo aveva utilizzato nel tempo per fronteggiare alcune spese – ha precisato Fontana – lui ha riferito che il 30 luglio, su richiesta telefonica di Marilena, è andato a prelevarla presso la sua abitazione a Castellanza per poi accompagnarla in piazza a Garbagnate Milanese, luogo da cui la donna si sarebbe allontanata a piedi facendo perdere le sue tracce”.

Le contraddizioni di Clericò

Durante l’interrogatorio di Clericò, i Carabinieri hanno stabilito delle contraddizioni nelle sue dichiarazioni. Per prima l’assenza della telefonata della donna all’indagato, poi il fatto che le telecamere presenti nel luogo dove ha dichiarato di aver lasciato Marilena non hanno ripreso la dinamica degli eventi da lui descritta. Infine sono state determinanti le analisi biomolecolari dei Ris di Parma. Sui jeans e sulla maglietta, precedentemente sequestrati all’uomo infatti, sono emerse numerose tracce ematiche riconducibili alla vittima.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prossimo articolo
Prossimo articolo