Settegiorni > Cultura e turismo > Verso il 2018 gli Studi Storici Tradatesi presentano il nuovo calendario
Cultura e turismo Saronno -

Verso il 2018 gli Studi Storici Tradatesi presentano il nuovo calendario

Ogni mese alla scoperta di uno dei personaggi che hanno segnato la storia della città. Tra istituzioni, benefattori ed eroi militari

calendario studi storici

Anche per l’anno prossimo la storia cittadina entrerà nelle case grazie all’iniziativa dell’associazione Studi Storici Tradatesi.

Dodici personaggi storici da scoprire e conoscere

Negli anni scorsi gli Studi Storici Tradatesi hanno portato gli appassionati del passato locale alla scoperta di osterie, industrie e luoghi della città. Il calendario del 2018 si concentrerà invece sulle persone. “La storia non è fatta solo dai luoghi ma anche dalle persone che ci abitano”, ha spiegto il presidente dell’associazione Federico Colombo. “I 12 che abbiamo selezionato quest’anno hanno lasciato un forte segno sulla nostra comunità”. Al lavoro, la squadra di storici della città. Oltre a Federico Colombo, Patrizia Offer, Luciano Golzi-Saporiti e Davide Zaffaroni.

Un personaggio al mese, tante storie da raccontare

Il cuore del prossimo calendario degli Studi Storici è stato presentato sabato in Frera. E i nomi, le persone, cui sarà dedicato ogni mese sono strettamente legati anche ai tanti anniversari che la città celebrerà l’anno prossimo. Il primo è il centenario della morte della medaglia d’oro al valore Luigi Zucchi, alpino partito volontario nella Prima Guerra Mondiale per vendicare il fratello e morto salvando il proprio generale. Sarà anche il 140esimo anniversario della Barbara Melzi, e proprio a lei sarà infatti dedicato il mese di giugno. Un salto ad Abbiate, all’asilo di cui sarà ricordato il 50esimo della morte fdel suo “papà”, il benefattore (e sindaco) Carlo Saporiti, la cui storia sarà raccontata ad aprile. In campo religioso, due i nomi nel calendario oltre a quello della Melzi: don Nicola d’Averio (marzo) che oltre ad aver completato i tanti lavori iniziati dal predecessore ha realizzato il campo sportivo che oggi porta il suo nome e la casa parrocchiale. E don Pietro Zini (a ottobre), che portò a Tradate la sede della Pieve e alla morte un importante lascito da 60 mila lire per la realizzazione dell’ospedale. Dal nosocomio, il ricordo al suo creatore Agostino Galmarini (a  maggio), che acquistò il terreno e completò il finanziamento per la sua costruzione. A luglio, protagonista la storia del garibaldino dei Mille Cesare Castiglioni, dello storico progettista Aermacchi Ermanno Bazzocchi a dicembre, e a settembre della benefattrice “mamma” del collegio arcivescovile Teodolinda Galvalisi. E non poteva mancare, a novembre, la storia del Sindaco di Tradae Paolo Bernacchi.

Tiratura limitata per il calendario degli Studi Storici

Prenotazioni aperte per il calendario 2018 realizzato dall’associazione di storici. Tiratura limitata a meno di 200 copie, e prezzo di 10 euro per quello che, anno dopo anno, è al pari di un volume di una piccola enciclopedia di storia cittadina. Info e prenotazioni al sito www.storiatradate.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prossimo articolo
Prossimo articolo