Approvata la risoluzione del grillino Andrea Fiasconaro.

Approvata la risoluzione sullo sviluppo della canapa

L’obiettivo della risoluzione presentata dal Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle Andrea Fiasconaro è garantire uno sviluppo di qualità alla filiera agroalimentare della canapa e promuoverne la coltivazione in Lombardia. La richiesta è stata approvata dalla Commissione Agricoltura.

L’obiettivo è di agevolare la nascita di una filiera completa

“ La canapa è in grado di contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale in agricoltura e alla riduzione del consumo di suoli – spiega Fiasconaro -, ecco perché l’approvazione da parte della commissione è un buon risultato. Obiettivo del nostro documento è proprio quello di agevolare la nascita, sul territorio lombardo, di una filiera completa: dalla coltivazione alla trasformazione, con idonei impianti che lavorino sia il fusto che le altre componenti della pianta per ricavare materie quali tessuti, materiali per la bioedilizia, prodotti agroalimentari o nutraceutici.”

L’auspicio è una fiera corta, le parole di Fiasconaro

“A questo proposito è opportuno ricordare che questo tipo di coltivazione era fortemente sviluppata nella nostra provincia già sul calare degli anni ’60. L’auspicio massimo sarebbe la realizzazione di una filiera corta, che si sviluppasse sul territorio lombardo come già avviene in altre regioni come la Puglia. Sarebbe opportuno che Regione Lombardia promuovesse bandi ad hoc proprio per agevolare questo tipo di scopo e già a dicembre, durante la discussione di bilancio, chiederemo sulla base di questo atto approvato di investire risorse per finanziare queste iniziative. La valorizzazione e lo sviluppo della filiera è un’opportunità importante per la regione: attualmente, infatti, in Italia vengono coltivati 4mila ettari, 400 in Lombardia e 50 nella nostra provincia.”

Tante le risorse investite sulla sperimentazione di questa produzione

“Ricordo che recentemente è stata approvata una legge nazionale che va proprio in questa direzione. Il mio auspicio è dunque che i vertici regionali riservino altrettanta sensibilità, in linea con l’approvazione della nostra risoluzione, a questo comparto per nulla secondario e che attivino le necessarie procedure per creare la certificazione di qualità e, nondimeno, la creazione di un marchio territoriale lombardo per la canapa coltivata e trasformata sul nostro territorio. La regione – conclude Fiasconaro – ha in questi anni investito non poche risorse (circa 2 milioni di euro) sulla sperimentazione di questo tipo di produzione, penso ad esempio al progetto VeLiCa, pertanto la mia proposta andrebbe proprio a chiudere un cerchio e ad incentivare finalmente un mercato utile e sostenibile”.