Caso commissioni, il Consiglio di Stato conferma che è stata violata la proporzionalità.

Caso commissioni, la vittoria della minoranza

Il Consiglio di Stato si è pronunciato in merito al ricorso presentato dai gruppi di minoranza Insieme per Buscate e Obiettivo Comune quasi un anno fa. Motivo dell’esposto, presentato da Valeriano Ottolini e dall’allora capogruppo Francesca Pagnutti, la convinzione che il nuovo regolamento per la nomina dei membri delle commissioni consiliari impedisse la rappresentanza equa a tutti i gruppi di opposizione.
Alla fine. come ampiamente spiegato sul numero di Settegiorni Legnano-Altomilanese in edicola, i giudici del Consiglio di Stato hanno dato ragione alle minoranze.

“La modifica del regolamento ha violato la proporzionalità”

“Nel merito – si legge nella sentenza – il ricorso è fondato. La contestata modifica del regolamento delle commissioni consiliari, che garantiva la presenza in commissione di tutti i gruppi consiliari, non consentendo la partecipazione alle commissioni di almeno un rappresentante per ciascuno dei tre gruppi, ha violato la proporzionalità”.

Leggi anche:  Cerro Maggiore, elezioni: Teresina Rossetti si candida a sindaco

Ora bisognerà rifare le commissioni

I magistrati del Consiglio di Stato romano hanno accolto anche l’istanza cautelare riguardo alla validità delle commissioni consiliari a oggi in vigore. Perciò sarà necessario rifare il consiglio comunale con la votazione delle nuove commissioni seguendo il regolamento nelle condizioni di rispetto dei principi.