Il commissario cittadino Fabiano Lorenzin ferma la corsa del sindaco di Venegono Superiore: “No a candidature spontanee”.

Partita aperta sul candidato per le elezioni 2018

“Non vedo altri possibili candidati. Il cuore mi dice di ricandidarmi per altri 5 anni”. Così a giugno il sindaco Ambrogio Crespi aveva dichiarato la sua volontà di tentare un bis alle elezioni 2018. Elezioni che dopo 5 anni travagliati dal punto di vista dell’alleanza con Forza Italia (il ritiro delle deleghe ai due assessori forzisti Franco Bonacci e Onofrio Pirrone, e il loro passaggio in opposizione)già si accendono di dibattito nel centro destra. “Non accettiamo candidature spontanee”. E’ così che il commissario di Forza Italia Fabiano Lorenzin gela Crespi. “Non decide un uomo solo. Di quelle parole nè la segreteria di Forza Italia nè quella della Lega sapevano nulla”.

Elezioni 2018, ruoli e pesi da definire

“Al momento non v’è certezza su nessun nome. Solo sull’alleanza tra i due partiti”. Sarà questo il binario su cui costruire la prossima squadra del centrodestra, spiega sempre Lorenzin. Che fa capire che nessuno ha già la candidatura in tasca, men che meno l’attuale sindaco della Lega. “Prima delle ultime elezioni erano anche stati presi degli accordi – continua il forzista – Quindi non escluderei che sia Forza Italia a esprimere il candidato”. In gioco ci sono da valutare le mosse dei partiti a livello locale e nazionale, e i pesi che questi dimostreranno di avere in occasione delle elezioni politiche, a patto che non vengano accorpate con le amministrative.

Leggi anche:  Concerto di Capodanno valzer a Venegono

Si deciderà insieme, non da soli

Sempre Lorenzin tocca poi la questione della formazione delle liste. Crespi, ancora scottato dalla vicenda Bonacci e Pirrone, aveva infatti affermato di voler scegliere “personalmente” la propria squadra. E di diverso avviso è ovviamente il portavoce della forza alleata: “Non so cosa ne pensi la sua sezione, ma la nostra non è certo d’accordo. La squadra la si sceglie insieme e la si sottopone alle segreterie. Il sindaco non può pensare di pretendere di decidere tutto da solo”.