Forum per Michela Palestra interviene dopo la presentazione del centro-destra per le prossime elezioni comunali ad Arese.

Forum per Michela Palestra: “Indietro non si torna”

“Alla presentazione delle liste del centro-destra per le prossime elezioni comunali, ha dominato il protagonismo di europarlamentari e fratelli di famosi politici, che si ricordano di noi solo per marcare il territorio. Quasi a dirci che i candidati consiglieri in fondo contano poco, perché per loro quello che conta veramente sono i poteri politici che stanno dietro. Questo ci ricorda un passato non poi così lontano. Quando quegli stessi poteri politici esterni hanno fatto eleggere sindaci che  hanno consegnato Arese a due commissariamenti”.

Forum nato per “dire no” a quel modo di fare politica

“Il Forum è nato proprio in quel momento storico, soprattutto per “dire no” a quel modo di fare politica, e lo ha fatto in maniera concreta. Coinvolgendo cittadini aresini che hanno messo a disposizione le proprie energie, capacità e il proprio tempo per far ripartire una città, che solo 5 anni fa sembrava aver toccato il fondo.

In questi cinque anni, insieme ai nostri alleati, è stato possibile fare di Arese la città di oggi. Perché per noi la politica è impegno quotidiano. Il Sindaco, i nostri amministratori, i nostri consiglieri comunali e soprattutto gli aresini, che si sono messi a disposizione di questo progetto, sono sempre stati qui. A lavorare per la nostra città. E saranno qui anche nei prossimi anni, perché Arese è la loro che città vivono tutti i giorni!”

Far politica è impegno civico

“Per il Forum fare politica è impegno civico, è mettere al centro del progetto i cittadini e i loro bisogni. E lo abbiamo dimostrato con le cose fatte, ma soprattutto per noi l’unico interesse che conta è il bene della nostra città. Ciò che fa più paura ai nostri avversari è proprio questo modo di fare politica. Il goffo tentativo di negare la storia politica del nostro sindaco Michela Palestra, cercando di cancellarne l’appartenenza civica al Forum, ci dà forza a continuare su questa strada. Non riconsegneremo Arese a chi pensa che le decisioni vadano prese in luoghi diversi dalla nostra città”.