Il candidato al Pirellone del Movimento 5 Stelle in visita a un’azienda tradatese e  nei luoghi della Provincia di Varese. Tappa importante per il percorso verso le elezioni regionali di marzo.

Elezioni regionali il Movimento 5 Stelle in tour

Non solo l’addio di Roberto Maroni e la candidatura di Attilio Fontana per la Lega, o le aperture e chiusure tra il Pd di Giorgio Gori e Liberi e Uguali. Le elezioni regionali di marzo contano un terzo importante competitor, il Movimento 5 Stelle. E il suo candidato, Dario Violi, che ieri ha fatto tappa in provincia di Varese insieme a quelli che, entro fine mesi, saranno probabilmente i candidati del territorio.

Revisione della sanità

La prima visita è stata a Gavirate, tema centrale la sanità. Qui Violi e i suoi hanno incontrato i lavoratori e i comitati che operano all’interno dell’ospedale di Varese. Un tema caldo, non solo per la città giardino, in clima di Pronto Soccorsi sovraffollati. E di una riforma regionale che in tanti vogliono rivedere, Cinque Stelle in primis. “Punteremo tanto anche sulla sanità – ha spiegato Violi –  Ripartendo dalle promesse non mantenute da Maroni. In primo luogo da una revisione del modello sanitario con l’ideazione di un’agenda unica tra i centri sanitari del territorio, in modo tale che si possano gestire meglio, e dunque ridurre, le liste d’attesa. Passando anche per l’abbassamento dei ticket, che sono tra i più alti d’Italia”.

Leggi anche:  Gioco da tavolo alla scoperta della città col Festival della Cultura storico

Innovazione e ambiente

Il secondo incontro della delegazione del Movimento si è tenuto a Tradate, alla Ab Legno. Una delle aziende leader nel territorio nella realizzazione di costruzioni, case e tetti in legno. Edilizia di ultima generazione, ecocompatibile e moderna. Una delle tante realtà che da sempre interessano il Movimento. “Sto girando la Lombardia per conoscere le tante realtà presenti nella nostra Regione. Vogliamo capire quali sono le difficoltà con cui ogni giorno si trovano ad avere a che fare gli imprenditori. Sia che gestiscano una piccola azienda a conduzione famigliare, sia una ditta con centinaia di dipendenti – fa sapere il candidato –  Per andare incontro a loro, che sono la forza motrice del nostro territorio, abbiamo ideato il modello “Lombardia Facile”, che si propone una velocizzazione e semplificazione delle procedure  burocratiche”. Dall’edilizia a basso impatto all’ambiente, tema su cui Violi promette maggiore attenzione rispetto al passato: “La nostra qualità dell’aria è tra le peggiori in Europa: Bisogna incentivare il trasporto pubblico ed efficentare la rete ferroviaria: basta carri bestiame”.