Nessuna caccia alle streghe tra i vigili per Ballarini: il sindaco si difende dalle accuse e ribadisce la linea.

Ballarini: “Qui chi vuole lavorare”

Il sindaco di Corbetta non ci sta a far la parte del cattivo. E spiega la sua linea sulla sicurezza: vigilanza privata, terzo turno della Polizia locale fino alle 21.50. presenza in centro e nelle frazioni. E ancora servizi straordinari, presidio dei varchi per le ordinanze anti-tir, sopralluoghi nei campi rom, verifiche sulle cessioni fabbricato. “Insomma c’è molto da fare e chi viene qui sa di dover lavorare”.

“Non ho cacciato nessuno”

Ballarini nega di aver mandato via qualcuno, parla di mobilità volontarie cui ha concesso il nulla osta. E ancora: “Qualcuno non ha accettato le nuove regole. Basta leggere giornale in servizio, basta pranzare al ristorante in orario lavorativo – fa qualche esempio -. Resteranno solo nove vigili? Meglio 9 che lavorano che 13 imboscati”. Il sindaco non entra nel merito dei video porno ma ammette che accadeva anche quello. Sulla notizia sollevata da Settegiorni, rilancia: “A domanda dei giornalisti cosa dovevo fare? Negare e, quindi dire una bugia?”. Frecciata al Sulpm, sindacato non tenero col sindaco: “Rappresenta due persone, chiediamoci il perché”.

Leggi anche:  Rondena contro Ballarini: "Dominus che controlla la politica locale"