Continuano le trattative tra Matteo Salvini e Luigi di Maio per la costruzione di un Governo a tinte gialloverdi, nel totoministri anche il senatore tradatese Stefano Candiani.

Totoministri, il tradatese all’Agricoltura?

Dopo l’incarico a guida della Lega in Sicilia, quello per il Ministero dell’Agricoltura a Roma? La voce su una delega ministeriale a Stefano Candiani, a margine delle stanze del Carroccio, circolava da qualche tempo. Ma sempre nel campo delle ipotesi, dei mille nomi che, all’interno di una miriade di direzioni su cui potrebbero muoversi le trattative e gli accordi tra i leader, sarebbero potuti risultare “papabili”. Ma è il Corriere della Sera, stamattina, a strappare quello di Candiani da una mera ipotesi a uno dei nomi sul tavolo della discussione. Il profilo e i recenti incarichi parlamentari dell’ex sindaco di Tradate lo metterebbero infatti in posizione privilegiata. Nel corso dell’ultimo mandato, Candiani è stato membro di punta del partito nelle commissioni permanenti per l’agricoltura e la produzione agroalimentare e nelle politiche dell’Unione Europea, specialmente a difesa del Made in Italy e dell’agricoltura del Belpaese. Che ha più volte difeso scendendo in piazza e dando voce agli agricoltori e alle associazioni di categoria.

Leggi anche:  Biblioteca, il sindaco disponibile a un incontro ma solo dopo il Palio

“Un piacere, ma non è tempo di nomi”

Contattato telefonicamente in Sicilia, Candiani non nasconde un certo apprezzamento per la notizia. Ma non va oltre. “Certo fa piacere vedere il proprio nome all’interno del totoministri. E’ una bella soddisfazione, vuol dire che il lavoro di cinque anni non è passato inosservato e anzi è stato importante ed apprezzato. Ma le trattative sono ancora in corso, non c’è nulla di certo”.