Anche in Lombardia prende il via la prima Campagna Nazionale di Prevenzione e Diagnosi della Maculopatia promossa su tutto il territorio nazionale con il patrocinio del Ministero della Salute e della Società Oftamologica Italiana.

Screening gratuiti per prevenire la maculopatia

In Lombardia, sarà possibile farsi visitare gratuitamente negli ospedali di Varese, Legnano e Milano. L’iniziativa promossa dal Ministero e dalla SOI, cui ha aderito anche l’Asst Sette Laghi di Varese prevede fino al 23 febbraio la possibilità di screening gratuiti nei Centri Oculistici aderenti. Per aderire, è necessario prenotare la visita sul sito www.maculopatie.com.

Gli screening gratuiti a Varese

L’Asst Sette Laghi ha aderito con l’équipe di specialisti guidata dal professor Claudio Azzolini, direttore della S.C. Oculistica dell’Ospedale di Circolo di Varese. Il dottore e la sua squadra di medici saranno a disposizione per diagnosticare la presenza di qualsiasi forma di maculopatia e suggerire le opportune terapie.  A Varese, i cittadini interessati, una volta prenotata la prestazione, potranno recarsi all’Ospedale di Circolo di Varese in viale Borri 57, Ambulatori di Oculistica – padiglione 5 – 3° piano .

Leggi anche:  Elezioni politiche, l'assalto della Lega a Camera e Senato

La campagna di prevenzione

La Campagna è indirizzata a persone di età superiore a 50 anni, periodo della vita in cui solitamente si possono presentare le prime avvisaglie della malattia. Cos’è la maculopatia? E’ una malattia che interessa la macula, la parte più importante della retina. Qui è dove risiedono gran parte delle cellule visive, i fotorecettori, fondamentali.  Le maculopatie determinano, nel lungo periodo, una grave riduzione della capacità visiva e una severa distorsione della vista che possono gravemente alterare la qualità di vita del paziente, sino a condurlo alla cecità. Nella sua forma iniziale, la malattia si presenta senza sintomi, per questo è indispensabile la diagnosi precoce. I dati hanno mostrato che solo il 10 per cento degli italiani ha una conoscenza e una consapevolezza della gravità della maculopatia, sia essa dovuta alla degenerazione senile, sia al diabete.