Le sue condizioni erano subito apparse critiche. Si è spenta a pochi giorni dall’incidente una delle due donne investite in Varesina martedì.

Investite in Varesina, mamma Laura non ce l’ha fatta

Tutto era successo in un istante. Un attimo prima era con l’amica di sempre, al rientro dalla loro passeggiata quotidiana. Uno dopo, era a terra, investita insieme a lei da un’auto mentre attraversavano in compagnia del cane la Varesina a pochi metri dalla rotonda dei carabinieri. Laura Ferrario, mamma di 57 anni, era stata trasportata d’urgenza a Varese con un’emorragia cerebrale e la frattura del cranio. Anche dopo l’operazione la sua vita era rimasta appesa a un filo, fino a stamattina quando è deceduta, lasciando il marito e due figli di 17 e 23 anni. Meno grave invece l’amica di 49 anni, ricoverata al Sant’Anna di Como in terapia intensiva con una frattura del bacino, del costato e un’emorragia interna risolta in sala operatoria. La notizia ha sconvolto tutta la città: era molto conosciuta, e in tanti la ricordano come una donna solare, sempre allegra e con un gran sorriso che non mancava mai.

Leggi anche:  Cervo investito da un pirata della strada

Ora l’investitore, un tradatese di 58 anni, sarà indagato oltre che per lesioni gravissime per omicidio stradale.

ELGGI ANCHE: Investite sulle strisce, gravi due donne a Tradate