A Gorla Maggiore rinascono antichi sentieri

 

Riqualificazione dei sentieri storici

Dalla valle a San Vitale, su due percorsi agevoli e riqualificati. E’ doppio progetto dell’amministrazione Zappamiglio per ripristinare i sentieri storici verso il santuario caro ai gorlesi e anche ai paesi al di là dell’Olona. Nei giorni scorsi è partito il primo intervento: prevede il collagamento tra il piede della costaiola riqualificata nel 2005 – che dal paese scende a innestarsi sulla strada del fondovalle – alla chiesa di San Vitale, attraversando in diagonale il pendio tra i boschi. L’opera prevede liberare il fondo dalle sterpaglie, la realizzazione di palizzate di contenimento verso valle e la posa di ghiaietto sull’intero percorso.

Opere finanziate da Holcim e Cariplo

I lavori – avviati dopo l’ottenimento delle liberatorie dei proprietari per l’acquisizione dei terreni attraversati – sono finanziati con le risorse delle compensazioni ambientali della cava Holcim. In un successivo momento partirà anche il secondo progetto di recupero di un altro percorso storico: quello che scende direttamente dal sagrato di San Vitale e si innesta sul sentiero che proviene dal piattello di Fagnano e dalle cascine Balzarine: anche qui l’antico collegamento sarà ritrovato sotto alla vegatazione, liberato, messo in sicurezza e reso percorribile in modo agevole. Qui l’iter è ancora in corso, ma il finanziamento c’è già e arriva da un bando di fondazione Cariplo. In entrambe le opere è prevista anche la pulizia del sottobosco, unendo al ripristino dei sentieri anche la prevenzione antincendio.

Leggi anche:  Funerali di Felice Gimondi, l'ultimo saluto al campione VIDEO

In arrivo anche il nuovo parco di San Vitale

«Nella commissione Ambiente abbiamo presentato questi lavori – anticipa il sindaco Pietro Zappamiglio – e soprattutto illustreremo il progetto definitivo esecutivo, già approvato da Pedemontana, del Parco di San Vitale. Questi interventi, nel loro complesso, porteranno una significativa valorizzazione dell’area di San Vitale e dell’ambiente circostante, raggiungendo un altro obiettivo che ci eravamo impegnati a perseguire».

 

Torna alla home