Addio ad Angelo Beretta, venuto a mancare all’età di 85 anni. Volto noto di Cuggiono, ha militato per anni tra le fila della Lega.

Addio a Beretta: volto noto di Cuggiono

Venuto a mancare all’età di 85 anni, Beretta è stato un personaggio molto conosciuto in paese: attivo tra le fila della Lega, si era presentato per l’ultima volta nella lista di Gianfranco Ronchi nel 2012. In tanti lo ricordano per il suo amore e attaccamento al territorio.

Le parole commosse di Perletti

A ricordarlo il sindaco Maria Teresa Perletti: “Ciao Angelo. Nella vita viene facile vestire una maglia a variopinti colori. È un modo come un altro per professare un credo in cui una persona ripone la sua fede. Poi, inaspettatamente, si viene chiamati per un lungo viaggio e qui, della fede terrena non sappiamo più cosa farcene.
Angelo, è un uomo di altri tempi, cresciuto a sacrifici ma con un carattere forte e risoluto. Ha saputo costruire passo dopo passo la sua vita, accanto alla moglie e ai figli, regalandogli il meglio di sé. Di Angelo viene spontaneo ricordare i suoi canti a tutta voce, una caratteristica che lo ha contraddistinto sin da piccolo. Angelo ama la vita in tutta la sua pienezza, sia nei momenti difficili che quelli spensierati. Di Lui possiamo parlare per ore senza mai trovare un fuscello che oscuri i suoi occhi. L’aggravarsi della malattia che lo ha colpito, non ha piegato certo la sua tempra, assistito dai suo cari ha combattuto fino allo stremo per regalare un ultimo sorriso prima di partire”.

Leggi anche:  Mancano i documenti, salta la Commissione Antimafia

“Continuerà a vegliare su di noi”

“Non mi sento di ricordarlo oggi come l’uomo che ora non c’è più semmai, lo vorrei ricordare nell’atto più solenne della vita terrena, accompagnandolo alla partenza per ricongiungersi al Signore – continua Perletti – Angelo è tra di noi ora e per sempre, lo resterà chiuso a doppio catenaccio nei nostri cuori e lui, continuerà a vegliare su di noi in allegria, cantando e gioendo alla vita. Angelo sei un grande uomo, radicato nel tuo paesello, pronto a lottare e a difenderci tutti da ogni insidia. Non possiamo dimenticarti, Tu sei uno di noi. Ho militato al suo fianco per molto tempo, crescendo con Lui giorno dopo giorno, anche se alcune volte non concordavamo sulle scelte prese, devo dire che c’è sempre stato un rispetto esemplare da entrambe le parti. Lavorare con Angelo ha ampliato la visione generale di come deve lavorare un’amministrazione che ha a cuore il benessere dei cittadini in primis. Questo è ciò che mi ha trasmesso Angelo”.

TORNA ALLA HOME E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE