Il 25 giugno 2019 nella piscina di Saronno è stato effettuato un controllo di routine sulla qualità dell’acqua. La TS INSUBRIA ha riscontrato la presenza, anche se in modica quantità, di PSEUDOMONAS AERUGINOSA e un valore del ph non conforme alla normativa.

Batterio in piscina a Saronno: il risultato delle nuove analisi

Oggi,venerdì 5 luglio, sono arrivati i risultati preliminari del secondo campionamento di analisi effettuato immediatamente dopo la comunicazione di ATS e l’applicazione delle misure previste dal manuale di autocontrollo del gestore: le misure del laboratorio confermano la balneabilità dell’impianto secondo le norme vigenti.

Visto il clamore sollevato, è opportuno sottolineare che la quantità di microrganismi rilevati dal prelievo ATS del 25/06/2019 alla vasca esterna era veramente molto basso, ovvero 8 ufc/100 ml.

Le parole dell’amministratore Unico di Saronno Servizi SSD

“Non c’è stato mai nessun rischio per la salute pubblica o per quella dei bagnanti.. Se ci fossero stati rischi reali, ATS ci avrebbe richiesto la chiusura immediata”. Ha commentato Katia Mantovani, Amministratore Unico di Saronno Servizi SSD. Nel solo 2018 sono state gestite 210.801 presenze in piscina, tra loro più della metà bambini. Inoltre negli ultimi anni non si è mai presentato, ne è stato segnalato, alcun problema per la salute pubblica. “La Piscina è sempre stata aperta ed operativa, il livello di controllo è costante ed aderente alle norme tecniche e, in linea con gli obiettivi operativi, tutto il personale di Saronno Servizi ha a cuore la salute pubblica ed il benessere dei Clienti” ha concluso Katia Mantovani Amministratore Unico dell’impianto.

Leggi anche:  Nuovo direttore medico all'ospedale di Saronno

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE