Risolto intanto il problema della perdita d’acqua tra via Laghetto e via Verdi.

Cantieri che si chiudono e altri che si programmano

Ci sono voluti 5 giorni di indagini e scavi da parte di operai e tecnici di Brianzacque per risolvere il problema di una dispersione idrica che si è manifestata sull’incrocio sopraelevato tra via Laghetto e via Verdi, recentemente riasfaltato.  Si trattava di un “velo d’acqua” superficiale che affiorava proprio dalla parte sopraelevata della strada.  Per giorni, da parte delle squadre tecniche del servizio acquedotto di Brianzacque, coordinato dall’ingegner Antonello Sala, sono stati effettuati rilievi su tutte le condutture sotterranee dell’acquedotto censite, ma senza esito.  Soltanto martedì sera, l’origine del problema è stata finalmente trovata: si trattava di una vecchia tubatura dismessa, che non risultava nelle mappe attuali. E’ stata prima riparata per bloccare la perdita, per proseguire poi con il taglio necessario alla sua completa rimozione.  Presente più volte sul cantiere anche il sindaco Roberto Crippa, per verificare le operazioni di ricerca
Intanto, sono state già calendarizzate e riprenderanno tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, i lavori per la sostituzione della rete idrica e della rete fognaria lungo la via Silvio Pellico.

Seconda parte dei lavori in via Silvio Pellico

L’intervento, interamente curato da Brianzacque, punta a rinnovare completamente sia la linea dell’acquedotto, che quella della raccolta degli scarichi fognari, andando a completare l’intervento realizzato nei mesi scorsi sul primo tratto di strada. Si tratta di un’opera complessa che prevede scavi di grandi dimensioni e un successivo lungo periodo di assestamento, come spiegano dagli uffici di Brianzacque srl, società che gestisce il ciclo idrico nella provincia di Monza e Brianza. La seconda parte dell’intervento si svolgerà con modalità analoghe a quelle utilizzate per la prima parte, ovvero con la chiusura della strada nei tratti interessati e la conseguente modifica della viabilità, lungo un asse critico del traffico locale. I lavori per questo nuovo intervento sono programmati tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020: avranno una durata di circa 3 mesi e dovrebbero concludersi entro la prossima primavera. A quel punto si attenderanno i tempi necessari all’assestamento del terreno dopo la chisura degli scavi e la copertura provvisoria, con il continuo monitoraggio dello stesso. Il ripristino definitivo del manto stradale della via Silvio Pellico è infine previsto nell’autunno del 2020.

Leggi anche:  Incrocio tra via Verdi e via Laghetto presto sotto i ferri

“Opera fondamentale”

“Si tratta di un’opera di fondamentale importanza per la gestione del ciclo idrico sul territorio di Ceriano Laghetto, con la sostituzione di una delle tratte più vecchie ed ammalorate di rete fognaria e acquedotto, ormai inadeguate. Un lavoro necessariamente lungo e delicato per poter essere efficace e duraturo nel tempo”, commenta il Sindaco Roberto Crippa.

LEGGI ANCHE: Lavori di manutenzione per le vie di Ceriano Laghetto