Durante la seduta del Consiglio regionale di martedì 12 giugno, l’Assessore ai Trasporti Claudia Terzi ha risposto all’interrogazione circa la chiusura di 25 biglietterie di Trenord in altrettante stazioni lombarde. Nel merito sono intervenuti i firmatari e consiglieri regionali della Lega, Simone Giudici e Silvia Scurati.

Paura per la chiusura delle biglietterie

“La notizia della chiusura di 25 biglietterie Trenord – spiegano Giudici e Scurati – fra cui quelle delle stazioni di Abbiategrasso, Bollate, Canegrate, Novate Milanese, Parabiago e Vanzago, ha sollevato preoccupazioni fra i tanti pendolari che ogni giorno utilizzano il treno come mezzo di spostamento. Siamo convinti che occorra salvaguardare il servizio di biglietteria, specie nelle stazioni minori, che prive di questa prerogativa rischiano seriamente di trasformarsi in strutture fantasma, destinate a un rapido degrado e all’incuria, come dimostrato in altri casi del passato, dove le strutture si sono trasformate in luoghi spesso insicuri che divengono l’habitat perfetto per spacciatori e senzatetto.

“Teniamo vive le stazioni”

“Il messaggio che vogliamo lanciare quindi è legato all’importanza di tenere vive le stazioni, nel rispetto della loro funzione sociale: sono le porte d’ingresso delle nostre comunità e come tali devono essere valorizzate. Accogliamo con favore l’interesse e l’impegno dimostrato dell’Assessore Terzi e attendiamo una risposta chiarificatrice da parte di Trenord. Certamente – concludono Giudici e Scurati – Regione Lombardia si impegnerà per evitare che le biglietterie chiudano i battenti”.

Leggi anche:  Giusy Ferreri: da regina delle hit a mamma amorevole FOTO

La replica dell’assessore

All’interrogazione della Lega ha risposto in aula l’Assessore Regionale ai Trasporti,Claudia Terzi che ha affermato di essere d’accordo con le preoccupazioni espresse dai consiglieri regionali del Carroccio. L’Assessore Terzi ha inoltre informato il Consiglio Regionale di avere chiesto chiarimenti all’Amministratore Delegato di Trenord Spa, data la necessità di condividere con Regione Lombardia le decisioni assunte e i punti cardine del Piano di Sviluppo della società.