Si è tenuta a Ceriano Laghetto, organizzata dalle sezioni della Lega di Ceriano, Cogliate e Lazzate. Nel corso delle serate migliaia di militanti e sostenitori leghisti ma anche tanti semplici cittadini hanno preso parte alla festa, organizzata dalle sezioni della Lega di Ceriano, Cogliate e Lazzate.  La Festa della Lega delle Alte Groane è stata caratterizzata da un ottimo servizio ristorante, musica e balli coinvolgenti con i “Crazy boogie” e gli attesi interventi dei politici leghisti.

Festa della Lega delle Alte Groane, i ringraziamenti

“Un ringraziamento speciale allo staff di volontari grazie al quale tutto ciò è stato reso possibile: da quelli all’opera in cucina ai camerieri, da chi ha montato le strutture a chi si è occupato del corretto parcheggio delle automobili. Tutti, nessuno escluso. Grazie anche ai graditi ospiti: gli esponenti del Governo Conte ossia il Sottosegretario agli Interni on. Nicola Molteni e il Sottosegretario allo sviluppo economico on. Dario Galli, il segretario della Lega Lombarda on. Paolo Grimoldi, il Capogruppo a Palazzo Madama sen. Massimiliano Romeo, gli onorevoli Oscar Lancini, Andrea Crippa e Luca Toccalini, l’Assessore regionale Martina Cambiaghi e i Consiglieri regionali Andrea Monti e Alessandro Corbetta. Un ringraziamento per la presenza, oltre ai Sindaci “di casa” Dante Cattaneo, Andrea Basilico e Loredana Pizzi, anche ai Sindaci di Saronno Alessandro Fagioli, di Rovello Porro Paolo Pavan e di Bareggio Linda Colombo.”

 

Leggi anche:  Il presidente dell'Inter va a mangiare al Mc FOTO

Il commento di Daniel Micheli

Danile Micheli, Segretario leghista cerianese, commenta il successo della Festa della Lega delle Alte Groane:

“Ringrazio tutti i volontari che si sono adoperati per questa festa prima, durante e dopo questo impegnativo weekend. Il successo è tutto merito di questa grande squadra. Grazie anche a tutti i cittadini e ai residenti della frazione che hanno risposto con una partecipazione al di sopra di ogni aspettativa. Chi ha tentato in ogni modo di boicottarci, dagli adesivi sui manifesti con scritto “evento annullato” ai deliranti volantini dei centri sociali fino all’attentato nottetempo sull’adiacente strada provinciale non ha fatto altro che renderci ancora più forti e vincenti”.