Il chihuahua Cherry, sparita nel nulla in seguito a un furto nel dicembre 2016, è stata ritrovata nell’area cani di Garbagnate Milanese.

Il chihuahua Cherry torna finalmente dalla sua padrona

Ha davvero dell’incredibile la storia raccontata dai colleghi del GiornalediMonza.it e che ha per protagonista la 33enne Laura Colaianni di Camparada e la sua cagnolina Cherry, un chihuahua a pelo lungo.

 

Un vero e proprio miracolo

Se non è un miracolo davvero proprio di ci manca. Infatti la padrona perse le tracce della sua amata cagnolina addirittura nel dicembre del 2016, a seguito di un furto avvenuto nella sua abitazione camparadese LEGGI QUI 

E le ha provate davvero tutte per ritrovarla e riabbracciarla, istituendo una taglia di alcune migliaia di euro per chi le avesse riportato Cherry.

Laura ha potuto riabbracciare il suo chihuahua tra le lacrime. Infatti Cherry è stata abbandonata nell’area cani di Garbagnate Milanese, insieme a un altro chihuahua anch’esso sottratto tempo fa alla sua famiglia. I due quattrozampe sono stati poi portati al canile sanitario di Sedriano e, dopo la lettura del microchip e i controlli veterinari, sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

E’ stata un’odissea

Una vera e propria odissea quella che ha vissuto la donna fino a venerdì mattina 21 settembre e che è iniziata a partire da quel maledetto 16 dicembre del 2016 quando i ladri svaligiarono la sua abitazione. I malviventi, oltre a portarle via il pc e diverse catenine d’oro, si impossessarono anche di Cherry.

Un batuffolo di amore puro

Cherry è di taglia piccolissima: pesa appena 1,7 kg per 25 cm circa di lunghezza. È a pelo medio/lungo con il muso e il petto color panna, la schiena marroncino-grigia e le zampette marroncino chiaro, orecchie pelose grigie-marroncino, occhi neri. Segno particolare: le mancano i denti davanti.

“Ricordo ancora che quando rientrai in casa dopo il furto, trovai le luci accese e i cassetti rovesciati per terra – aveva raccontato la donna al Giornale di Vimercate qualche mese fa quando aveva rinnovato l’appello per le ricerche di Cherry -. Allora corsi subito in taverna per vedere come stavano i miei cani, ma Cherry non c’era più. L’ho cercata dappertutto, ma a oggi, non capisco se se la sono portata via quei delinquenti oppure se è scappata dalla paura. Lei viveva con noi in casa, raramente stava in giardino. Io vivo nell’angoscia più totale da oltre un anno e mezzo. La piccola stava con noi da otto anni, praticamente da quando è nata, era parte integrante della famiglia e il vuoto che ha lasciato è enorme. Nel 2015 era stata colpita anche da un grave ictus e da allora è costretta a prendere pastiglie salvavita”.

Laura le ha provate tutte

La sua padrona le ha provate tutte. Dalle ricerche agli appelli, senza dimenticare di aver istituito una taglia davvero importante. Nulla da fare. Non sono mancate, in questi mesi, ricerche personali e in gruppo, con le forze dell’ordine, presso veterinari e canili, comunicati alle testate giornalistiche e alle emittenti televisive, persino ricerche con i cani molecolari. Sui social media il volto e la storia di Cherry sono note e ormai diventate virali. Ad aprile Laura aveva girato un video insieme al pregnanese Lorenzo Croce, presidente di Aidaa (Associazione italiana difesa animale e ambiente), che aveva ricevuto decine di migliaia di visualizzazioni e di condivisioni. Laura si era anche affidata ai cani molecolari dell’unità cinofila di Genova. In cuor suo sapeva che Cherry non era morta. Alcune tracce di Cherry portavano a un complesso di abitazioni di Casatenovo. Ma anche quelle tracce purtroppo non hanno condotto a nulla.

Leggi anche:  Il medico si chiama Di Maio: leghista rifiuta la visita

Il sogno si è avverato

Il sogno di poter riabbracciare il suo chihuahua si è concretizzato venerdì 21 settembre e ad annunciarlo è stata proprio Colaianni su Facebook: “E’ un miracolo, tornata a casaaaaaa. Ringrazio tutti per le chiamate e i messaggi ma dateci il tempo di riprenderci e vi ricontatto tutti” ha scritto la giovane.

Pochi giorni fa un caso simile

La storia di Cherry richiama per certi versi quella di un chihuahua maschio rubato nel 2015 a Bergamo e ritrovato nei giorni scorsi nel campo rom di via Monte Bisbino a Baranzate, durante un blitz della polizia. Il cagnolino è stato restituito alla legittima proprietaria. Una scoperta arrivata grazie al caso, anche se gli agenti sono stati bravi a farsi venire dubbi e quindi a verificare chip e anagrafe canina.

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE