Finalmente Arese dice sì al nuovo regolamento di tutela animali proposto dalla sede territoriale Lav.

Lav, Arese dice sì al nuovo regolamento

Finalmente Arese dice sì al nuovo regolamento di tutela animali proposto dalla sede territoriale Lav. Questo regolamento promuove e disciplina la tutela degli animali d’affezione. Inoltre il rispetto di tutti gli animali che  sono occasionalmente sul territorio comunale. Si riconosce alle specie animali il diritto ad un’esistenza compatibile con le proprie  caratteristiche biologiche  ed etologiche. Infine vengono condannati e perseguiti atti di crudeltà e maltrattamento,  l’abbandono degli animali, la mancanza di cure adeguate.

Alcune novità importanti

Tra le novità importanti alcuni divieti significativi, come quello di tenere cani alla catena. O di condurli al guinzaglio con qualsiasi mezzo di locomozione. L’uso e il commercio di trappole mutilanti, di collari che provochino scosse elettriche o collari a punte che agiscono con sostanze chimiche o che emettono segnali acustici. Questo per costringere l’animale all’obbedienza o impedire l’abbaiare naturale. Numerosi  gli articoli  per gli animali che stazionano anche temporaneamente sul territorio comunale. Vietati  l’utilizzo degli animali  per la promozione di attività commerciali o imprenditoriali. Vietato offrire gli animali  in premio o vincita di giochi spettacoli e utilizzarli per l’accattonaggio.

Leggi anche:  Arese, Primo consiglio comunale della nuova Giunta Palestra

Colonie feline libere tutelate dal Comune

Naturalmente le colonie feline libere sono tutelate dal Comune  che, nel caso di episodi di maltrattamento, si riserva la facoltà di procedere civilmente e/o penalmente nei confronti dei responsabili. Inoltre è riconosciuta la figura della gattara.

“Il nostro compito è fare in modo che ci siano sempre più normative e leggi dalla parte degli animali – dice Daniela Stancich responsabile della sede territoriale  Lav. Fino ad ora i Comuni che hanno approvato un regolamento di tutela animali o fatto modifiche proposte dalla Lav sono: Rho, Cogliate,   Senago, Pogliano, Cornaredo, Bollate e Legnano”.