Ieri, martedì 5 marzo 2019, dalle prime ore della mattina fino alle 10, Amiacque ha chiuso al traffico via Dante dopo l’incrocio con via Castelli Fiorenza, causando molteplici disagi alla cittadinanza. Rho è rimasta quindi bloccata nel traffico. Nemmeno un cartello segnaletico posto all’ingresso da via Matteotti e in corso Garibaldi per avvisare della chiusura della strada, di un incrocio molto trafficato.

LEGGI ANCHE:

Rho tutti in coda: “Comune che vergogna” VIDEO

Tutti in coda a Rho: “Ci hanno preso per i fondelli”

Lunghe code a Rho: il Comune si scusa con gli automobilisti

Numerose le segnalazioni pervenute ieri per i disagi al traffico. Il Comune si dice dispiaciuto per i disagi che i cittadini hanno dovuto subire e ha prontamente contestato alla società l’intervento eseguito, in quanto la chiusura della strada eseguita da Amiacque non ha rispettato quanto stabilito dall’autorizzazione rilasciata dal Comune.
In particolare, l’autorizzazione ad Amiacque stabiliva due punti:
– eseguire l’intervento dalle 9 alle 18
– rispettare le prescrizioni previste dalle norme tecniche di esecuzione (delibera G.C. n. 39 del 14/02/2007), in particolar modo al punto 11: “in fase di intervento dovrà essere garantito il transito pedonale e veicolare tenendo libera la porzione di carreggiata lato sinistro”.
Il Comune sta ora aspettando da Amiacque spiegazioni e chiarimenti su quanto accaduto.

Leggi anche:  Stefano Marinoni, telecamere e autopsia per chiarire la morte