Arriva con l’inizio del nuovo anno l’annuncio dello stanziamento da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di 1,4 miliardi a favore del trasporto pubblico nelle città, che per la Città Metropolitana di Milano si tradurrà in fondi per circa 397 milioni di euro. Dopo la decisione del sindaco di Milano Sala di aumentare i biglietti (dal 2019) per far fronte all’aumento dei costi, arriva l’annuncio di nuovi fondi.

Ministero stanzia i fondi, Atm esulta

“Questi stanziamenti non finanzieranno solo nuove infrastrutture, ma anche linee esistenti che grazie a questi fondi potranno essere modernizzate. Tra le altre cose, serviranno a rifare il sistema di segnalamento della Linea 2 della metropolitana che vedrà aumentare la sua capacità di trasporto fino al 30%. A favore quindi delle aree più esterne dell’area metropolitana – fa sapere Atm -. Un progetto già pronto che andrà a gara entro marzo 2018 con obiettivo di assegnazione entro ottobre. Si tratta di una gara con tecnologie estremamente complesse e di importo considerevole che necessiterà, in fase di assegnazione, di importanti verifiche e valutazioni”.

Leggi anche:  Rotonda di via Melzi, si torna alla normalità. Morbi: "Riapriamo la strada"

 Nuovi investimenti

Di pari importanza saranno gli investimenti sulle metrotranvie extraurbane e il cofinanziamento per l’acquisto 50 nuovi tram bidirezionali a pianale ribassato per i quali ATM è pronta ad investire quasi 60 milioni di euro. Con questi progetti Atm e Comune di Milano confermano una direzione di continuo miglioramento della qualità del trasporto pubblico in tutta l’area della Città Metropolitana che già oggi si attesta su livelli comparabili con le principali aree metropolitane europee.

LEGGI ANCHE: RACCOLTA FIRME CONTRO L’AUMENTO DEI BIGLIETTI