Modifiche linea 433, i Comuni di Settimo e Cornaredo: “Al lavoro per risolvere i problemi”.

Ritardi per i pendolari

Le modifiche alla linea 433 dell’Atm stanno creando diverse problematiche ai pendolari. Il ritardo nel cantiere milanese di via Anselmo da Baggio in territorio milanese sta avendo notevoli ripercussioni sui tempi di percorrenza, provocando lamentele fra i cittadini, alcune delle quali riportate sul numero di Settegiorni in edicola da venerdì 8 marzo.

Modifiche linea 433, i Comuni: “Al lavoro per risolvere i problemi”

Problemi noti, che le amministrazioni comunali di Settimo Milanese, Cornaredo e Milano stanno affrontando con un lavoro congiunto. Sara Santagostino Pretina, sindaco di Settimo, l’assessore del comune di Milano Marco GranelliYuri Santagostino sindaco di Cornaredo, si sono incontrati lo scorso lunedì con i dirigenti tecnici di ATM, per affrontare le problematiche emerse con le modifiche di tragitto della linea 433, disagi di cui ATM aveva già piena consapevolezza.

Perchè abbiamo dovuto modificare il giro della 433?

Con una nota, l’amministrazione di Settimo spiega: “Il sindacato autisti ha segnalato la pericolosità della percorrenza della via per Seguro, a causa della ridotta larghezza della carreggiata; la Prefettura di Milano ha preso posizione vietandovi il transito dei mezzi pubblici nei due sensi.

Il nuovo percorso nella frazione Villaggio Cavour è stato valutato congiuntamente dalle Amministrazioni comunali di Settimo Milanese e Milano, la differenza nei tempi di percorrenza di 5-6 minuti in “fascia morbida” (cioè al di fuori degli orari di punta) è stata monitorata in questi giorni e confermata.

E quindi perché in altri orari i ritardi sono consistenti? Quali soluzioni ci sono?

L’allungamento dei tempi allo stato attuale è legato ai lavori in corso su via Anselmo da Baggio in territorio milanese. Il cantiere avrebbe dovuto essere chiuso fin dal 19 gennaio scorso, purtroppo durante lo scavo sono emerse gravi problematiche che hanno comportato il proseguimento dei lavori a tutt’oggi: il Comune di Milano si è attivato affinchè il cantiere possa essere chiuso nel più breve tempo possibile.

Leggi anche:  Leva civica lombarda, via libera dal Consiglio regionale

Il passaggio all’incrocio in Milano tra via Gaetano Airaghi e via Quinto Romano (zona Acquatica) invece non sembra comportare ritardi: resta inteso che, se in futuro anche questo passaggio dovesse risultare problematico, il Comune di Milano avvierà le necessarie azioni correttive.

I dirigenti ATM stanno monitorando gli orari e i tempi di percorrenza della linea 433, valutando se inserire corse intermedie negli orari più critici (in cui nei giorni scorsi sono saltate delle corse o non rispettate le coincidenze).

Siamo in costante contatto con il Comune di Milano e ATM per verificare, giorno per giorno, gli eventuali disagi e assicuriamo il pieno impegno dell’Amministrazione comunale per rendere agevole il nuovo percorso”.