Nai attaccato da Fratelli d’Italia: “Il sindaco ritiri il patrocinio alla mostra di Anpi”

Sindaco Nai attaccato dai suoi alleati per la giornata del Ricordo

Fratelli d’Italia si scaglia contro l’Amministrazione Nai, da essa sostenuta alle elezioni amministrative. A scatenare la polemica ad Abbiategrasso  le celebrazioni per la giornata del Ricordo: “Domenica 10 febbraio ricorre il Giorno del Ricordo, la solennità civile istituita con lo scopo di conservare e rinnovare «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre durante la seconda guerra mondiale e nell’immediato secondo dopoguerra (1943-1945), e della più complessa vicenda del confine orientale» – scrivono i membri FdI -. In occasione della stessa, l’amministrazione abbiatense ha deciso di concedere i sotterranei del Castello e di patrocinare una mostra organizzata dall’Anpi dal titolo “Fascismo, foibe ed esodo””.

“Anpi non è oggettiva”

“Non solo – continua FdI -, come dimostrano le recenti cronache, l’Anpi si è rivelata incapace di raccontare in maniera oggettiva vicende così delicate, ma appare fin troppo evidente, già dalla scelta del titolo, la volontà di minimizzare e giustificare quanto accaduto a cavallo della guerra come inevitabile conseguenza del ventennio. Questo taglio negazionista viene confermato dalla scelta del relatore per la conferenza di sabato pomeriggio, Piero Purini, storico triestino noto per le sue posizioni revisioniste ed anti italiane.  Come se non fosse abbastanza chiaro Anpi in un comunicato mette addirittura nero su bianco la volontà di “rinquadrare nella giusta prospettiva storica il ruolo del fascismo ed del nazismo in quell’area, cioè quello di principali carnefici e non di vittime.”

Leggi anche:  Iniziate le asfaltature in città

“Davanti a un simile scenario ci si chiede come possa la giunta guidata da Cesare  Nai, aver concesso non solo gli spazi ma addirittura il patrocinio. Invitiamo pertanto l’amministrazione a riconsiderare la propria posizione e a ritirare immediatamente il patrocinio”.