Quando non si può più curare la malattia è possibile continuare a prendersi cura della persona. Partendo da tale premessa, è nata l’idea del progetto “Profumi, sapori, colori”, che ha rivisitato in toto il menù e la rpesentazione dei piatti serviti ai malati terminali.

Gli ideatori del menù

Aldo Basaglia e Paolo Mitta, rispettivamente coordinatore e collaboratore del servizio di ristorazione degli ospedali, afferenti al Servizio Acquisti Appalti della ASST Ovest Milanese, per gli aspetti organizzativo-gestionali del progetto;
Claudia Castiglioni, Direttore Cure Palliative di Magenta e Cuggiono ASST Ovest Milanese, per la supervisione clinica e gestionale; Maria Josè Rocco, Responsabile Area Ricerca e Sviluppo-SITRA ASST Ovest Milanese, per la consulenza degli aspetti metodologici del progetto e il coordinamento complessivo;  Antonio Scarcia, infermiere all’Hospice di Magenta tramite la Cooperativa Paxme Assistance (in associazione alla Cooperativa Kodo), che ha proposto il progetto ed ha raccolto ed interpretato i bisogni degli assistiti anche attraverso una revisione della letteratura;  Massimo Valenti, cuoco dell’ospedale di Magenta ASST Ovest Milanese, per la preparazione delle pietanze, la consulenza e la realizzazione del book di illustrazione dei piatti;  Daniela Bella, Laura Polato e  Giuseppina Cozzi, dietiste della ASST Ovest Milanese, per la consulenza sull’equilibrio nutrizionale e la partecipazione alla preparazione delle pietanze e alla realizzazione del book di illustrazione dei piatti.
Al cuoco Valenti, alle dietiste Bella e Polato e all’infermiere Scarcia va il merito della realizzazione operativa del progetto.

Leggi anche:  Donne Incanto torna con la 12esima edizione

L’obiettivo

L’obiettivo è influenzare positivamente l’appetito delle persone ricoverate in Hospice, in particolare con problemi di disfagia, migliorando la quantità di cibo assunto e rendendo il momento del pasto un’esperienza positiva, verificando l’efficacia di alcune strategie di presentazione del pasto.

I nuovi piatti

I piatti sono serviti su di un vassoio colorato ricoperta con una tovaglietta plastificata stampata con i disegni realizzati dai ricoverati degli Hospice all’interno del “progetto ArtTerapy”. Le stoviglie e i vassoi sono stati donati dall’associazione “Insieme per l’Hospice di Magenta”. Sul vassoio è presente un fiore artificiale, realizzato artigianalmente con recupero di capsule del caffè, dalle persone con disturbi di Salute mentale del Centro
Diurno di Magenta