“Baby pit stop”: inaugurato nell’ospedale di Garbagnate uno spazio in cui le mamme possono allattare e cambiare il pannolino al proprio bambino.

Ospedale di Garbagnate, inaugurato il “baby pit stop”

Inaugurato il “baby pit stop” dell’ospedale di Garbagnate, realizzato anche grazie al contributo dell’associazione “Davide e il drago”. Di cosa si tratta? E’ un ambiente protetto, in cui le mamme si possono sentire a proprio agio per allattare il loro bambino e provvedere al cambio del pannolino. Lo spazio si trova al piano terra, vicino agli ambulatori della pediatria.

Il Baby Pit Stop (BPS) prende il nome dalla nota operazione del “cambio gomme + pieno di benzina” che viene effettuata in tempi rapidissimi durante le gare automobilistiche di Formula Uno. Nei BPS il cambio riguarda il pannolino, e il “pieno” è di sano latte materno, ricco di nutrienti e di anticorpi. L’allattamento al seno non ha orari fissi, né un numero definito di poppate nell’arco della giornata. Ciò come noto rende difficile per le mamme prevedere dove e quando il bambino chiederà di nutrirsi. Inoltre, molte mamme prolungano l’allattamento ben oltre i primi mesi di vita dei bambini, ottemperando alle raccomandazioni dell’Unicef e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Leggi anche:  Bomba al cuore: sono passati 50 anni dalla strage di Piazza Fontana

Per questo Unicef Italia, nell’ambito dell’iniziativa “ Ospedali e Comunità Amici dei Bambini’ si è posta come obiettivo l’allestimento in Italia dei Baby Pit Stop. “Sono piccoli, grandi, segnali che rendono l’ambiente ospedaliero più vicino alle persone, alle loro esigenze e piacevole – afferma Ida Ramponi, direttore generale dell’Asst Rhodense – Un sincero ringraziamenti all’associazione Davide e il Drago, presente in Azienda, vicina ai bambini e alle loro famiglie”. TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE