Palio Legnano, il presidio della Lav di Busto Arsizio, Rho, Monza e Bergamo in piazza per ricordare i cavalli Polveroso e Balosso.

Palio Legnano, la Lav protesta e ricorda i cavalli morti

La Lav è scesa in piazza oggi, sabato 21 aprile, per ricordare i due cavalli morti a Legnano in seguito a incidenti di gara (il primo è stato soppresso dai veterinari dopo un grave infortunio verificatosi durante le corse a pelo dello scorso sabato 7 aprile, il secondo fu abbattuto nel 2008 durante la Provaccia quando si spezzò un arto).

“Se rispetti gli animali diserta il Palio”

Non usa mezzi termini la Lav per chiedere di modificare i tornei dello storico e tradizionale Palio di Legnano. “Sostituite i cavalli con gare sportive che vedano protagonisti i cittadini di Legnano – dichiarano in piazza -. Solo così il Palio diventerebbe un vero e proprio Palio dei legnanesi. Sostituiamo le gare con gli animali con tornei di calcio, di pallavolo o gare podistiche. Perché noi abbiamo la facoltà di scelta, i cavalli no. Non costringete un essere vivente a piegarsi al vostro divertimento. Come tutti gli esseri viventi, il cavallo è nato per essere libero.  Andate in bicicletta non in groppa al cavallo! Il cavallo dev’essere libero come lo siete voi! Se rispetti gli animali diserta il Palio” terminano i manifestanti.

Leggi anche:  Primo giorno di crossfit: con che borsone ti presenti alla palestra?

L’intitolazione simbolica della piazza a Polveroso e Balosso

Gli attivisti Lav presenti a Legnano hanno intitolato la piazza ai due cavalli morti, Polveroso e Balosso. Il presidio si è svolto senza tafferugli o problemi di ordine pubblico, anche se sembra aver coinvolto poco i cittadini legnanesi.