Lei, la mamma, stira e lava (e per fortuna almeno non tramonta). Lui, il papà, lavora e legge. Ha destato non poco scalpore mediatico, nei giorni scorsi, l’immagine di un libro di testo usato in una scuola elementare, classe seconda per amor della precisione, del nostro Paese. Un esercizio facile facile: il bimbo era chiamato ad associare ad un soggetto due verbi che lo caratterizzavano. Il tutto scegliendo tra tre opzioni. E quelle prescelte per i due genitori la dicono lunga sugli stereotipi di genere che ad oggi, marzo 2019, esistono ancora nel nostro paese. (Per onor di cronaca pare che la casa editrice del testo incriminato si sia poi scusata).

Per Google nel 2019 donna è sinonimo di colf

Ma c’è anche di peggio. Lo abbiamo scoperto casualmente oggi. Stavamo realizzando un articolo per illustrare le tante manifestazioni organizzate in Provincia di Lecco in occasione dell’8 marzo, la Giornata internazionale della donna. Per non essere ridondanti, e per utilizzare un linguaggio il più corretto possibile abbiamo cercato in rete, utilizzando il più noto dei motori di ricerca, Google, i sinonimi della parola “donna”. Quanto abbiamo scoperto ci ha lasciato quantomeno sbigottiti. Il primo risultato utile, quello messo in evidenza dal motore di ricerca, ovvero Virgilio Parole, “regala” delle “perle” che non ci siamo davvero sentiti di passare sotto silenzio.

Femmina, e fin qui ci siamo; gentil sesso, e anche qui non si recrimina; bel sesso (?); sesso debole (ma davvero, ancora?). Questi alcuni dei sinonimi elencati, Ma il meglio deve ancora venire perchè evidentemente per qualcuno donna è anche sinonimo di donna di servizio, domestica, cameriera, collaboratrice familiare, colf, governante. Forse per addolcire la pillola si conclude con dama e regina(della casa forse?).

Leggi anche:  La primavera non decolla: vento e temperature in calo… ancora PREVISIONI METEO

E l’uomo?

Se invece si cerca il sinonimo di uomo, il primo risultato recita essere umano, persona , individuo, genere umano , il prossimo, umanità, gente, maschio, adulto. Vero è anche anche in questo caso non mancano delle caratterizzazioni professionali: addetto, operaio, tecnico, giocatore, atleta, soldato, militare.

L’importanza del linguaggio

L’importanza del linguaggio sarà un tema che verrà affrontato proprio dalle Consigliere di parità italiane nelle prossime settimane. “Ci ritroveremo il 22 marzo a Firenze per parlare con l’Accademia della Crusca e alcuni ragazzi di licei toscani. Dare il giusto peso alle parole è importante. Laura Boldrini aveva inserito il linguaggio di genere negli atti istituzionali. Oggi Giulia Buongiorno rifiuta di farsi chiamare Ministra o Avvocata. Ognuno fa quello che vuole, ma il rispetto viene prima di tutto e il linguaggio non è un aspetto della vita che deve essere sottovalutato”.