Rave party illegale in un’area industriale dismessa di via Sabin a Settimo Milanese.

Rave party a Settimo: seicento giovani occupano l’area

Rave party illegale durante il fine settimana in un capannone dismesso nell’area industriale di via Sabin. Oltre seicento giovani, provenienti da tutta la Lombardia, si sono radunati per “far festa”. La folla ha iniziato a radunarsi verso  le dieci di sabato sera. Il tam tam promosso dal gruppo “Proprietà Pirata Riot Club” ha portato in poche centinaia di giovani.

Musica, alcol e droga protagonisti

Subito dopo la mezzanotte è iniziata la musica a volume altissimo, seguita da alcol e droga. Immediata la reazione dei residenti che hanno chiamato le forze dell’ordine. Infatti la musica a palla ha svegliato numerosi cittadini, nonostante fosse in una zona industriale.

L’intervento dei Carabinieri

Sul posto sono intervenute immediatamente le forze dell’ordine che hanno presidiato la zona per tutta la domenica. I Carabinieri della compagnia di Rho non hanno potuto sgomberare gli oltre 600 giovani. Molti, infatti, erano ubriachi o sotto l’effetto di droghe. Il rave è andato avanti fino a tardo pomeriggio di domenica. A questo punto i ragazzi hanno sgomberato, lasciandosi dietro una montagna di rifiuti.  Ieri mattina, poi, la pulizia straordinaria predisposta dal Comune.

Leggi anche:  Marta Cartabia, da San Giorgio alla presidenza della Corte costituzionale