Ricerca, premio per una scuola magentina da Regione Lombardia, la Fondazione Canossa di Magenta. Tutto merito del progetto “Safety multimedia helmet” curato da una sua studentessa.

Ricerca, premio all’ingenio di una studentessa

“Bellissimo e innovativo il progetto grafico realizzato da Liu Xixi Zhejiang, una studentessa della Fondazione Canossa di Magenta, premiato oggi da Regione Lombardia durante la seconda edizione della Giornata della Ricerca che si è celebrata alla Scala di Milano. È un riconoscimento al valore dell’iniziativa e a chi l’ha promossa, la Fondazione Canossa di Magenta, oltre che una spinta a investire ancora di più sulla ricerca e sull’innovazione legate strettamente al mondo della scuola”. Lo ha dichiarato Luca Del Gobbo, consigliere regionale di Noi con l’Italia, a proposito del premio assegnato da Regione Lombardia per il grado di innovazione presente nel progetto intitolato “Safety multimedia Helmet”, un casco multimediale dotato di altissima tecnologia e in grado di riconoscere, all’interno dei cantieri di lavoro, le figure preposte alla sicurezza. Il progetto grafico è stato realizzato lo scorso anno, in collaborazione con l’istituto Bazzi di Milano, dalla studentessa Liu Xixi Zhejiang, quando frequentava la III classe dell’indirizzo Grafico Multimedia del Canossa di Magenta.

Tentata aggressione al sindaco di Magenta

5mila euro all’istituto

“All’istituto Canossa la Regione ha assegnato 5.000 euro e all’autrice del progetto grafico ben 7mila – ha spiegato Del Gobbo –. Il senso di questo premio è valorizzare gli sforzi di ricerca che nascono già in ambito scolastico: è dal basso, spesso, che arrivano gli spunti più innovativi per rispondere a qualunque tipo di necessità. Credere a questa possibilità fino a decidere di incentivarla è utilissimo”. Del Gobbo si è complimentato con l’Istituto, con la giovane Liu Xixi e con la docente che ha seguito il progetto, Laura Pizzotti. “Hanno fatto un lavoro eccellente, mettendosi in rete con un’altra scuola di Milano. Le iniziative migliori, infatti, nascono sempre da uno sforzo congiunto. Complimenti davvero”.