Spacciavano fuori da scuola: nei guai richiedente asilo e studente. Da tempo le forze dell’ordine tenevano d’occhio la zona tra il liceo Quasimodo e l’istituto Einaudi, sospettando traffici strani di stupefacenti, Nella mattinata di mercoledì 28, durante una perlustrazione coordinata di Polizia locale e Carabinieri, il cerchio si è stretto intorno a due giovanissimi pusher. Dopo  7  hanno cominciato ad osservare la zona tra via Brocca e il giardino di Casa Giacobbe, attendendo l’arrivo degli studenti e aspettando che gli spacciatori entrassero in azione.

Spacciavano fuori da scuola: arrestati

Nei guai due ragazzi accusati detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. Vendevano marijuana agli studenti delle due scuole superiori e sono stati sorpresi con le mani nel sacco. Addosso avevano 20 grammi di marijuana suddivisa in dosi e denaro contante, circa 250 euro, possibile guadagno della giornata. Sono scattate le manette per un 16enne, studente delle Einaudi, di Cuggiono,  e per un 20enne del Gambia, domiciliato in Vincenziana.

Collaborazione tra agenti e carabinieri

Il 20enne è stato trasferito a San Vittore a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il minorenne, al momento, si trova al Beccaria di Milano. Dopo il processo sarà possibile sapere di più sul loro futuro. Fondamentale la stretta collaborazione tra gli agenti della comandante Monica Porta e gli uomini del maresciallo Simone della stazione di Magenta.

Paga la droga con il premio del “gratta e vinci”: un arresto