E’ guerra agli incivili. Continuano i servizi di controllo e bonifica in città a caccia degli incivili che abbandonano immondizia. Oggi occhi puntati in via Petrarca, nella zona industriale, e nei boschi del parco Pineta, dove è spuntato persino un materasso.

Controlli a tappeto per avere una città più pulita

Parola d’ordine pulizia. E’ diventato più di un obiettivo per il Comune di Tradate che con il supporto di Seprio Servizi e Polizia locale sta liberando le aree degradate dall’abbandono dei rifiuti e nel contempo cercando indizi per individuare i responsabili. La guerra agli incivili è partita da alcune settimane e già sono fioccate le prime multe, per lo più indirizzate a comaschi che passando per Tradate aprono il bagagliaio e gettano dove capita i loro rifiuti indifferenziati.

Pipolo: ” Tolleranza zero”

“Tolleranza zero – rincara Pipolo – Siamo pronti ad adottare misure più pesanti per chi non rispetta le modalità di conferimento dei rifiuti, alzando anche la sanzione( oggi di 50 euro) –  spiega Pipolo. Sono tante le segnalazione che riceviamo ogni giorno per rifiuti abbandonati e segni di degrado. Cerchiamo di rispondere a tutti pulendo e multando i colpevoli dove è possibile”. Nei giorni scorsi sono stati liberati da sacchetti, bottiglie i posteggi di via Tagliamento, via Isonzo, piazza Gramsci e il sottopasso di via M.San Michele da parte di Coop.

Leggi anche:  La Regione scende in campo per sostenere bande e cori lombardi

La guerra agli incivili continua: lunedì nuovo blitz

Lunedì gli agenti e gli operai della Sps sono tornati a caccia dei rifiuti selvaggi nella zona industriale, al parco Pineta ( dove è stato rinvenuto persino un materasso), nelle aree vicino alla piscina e nuovamente in via Petrarca dove l’inciviltà è dura a morire. “Eravamo già intervenuti per rimuovere immondizia e rifiuti ingombranti – ammette Pipolo – ma non è servito e nel giro di poche settimane lo scenario indecoroso si è ripresentato”. Cocci di bottiglia e sacchi abbandonati sulle scale di via Carducci, elettrodomestici, mobilia alle spalle delle case Aler e tra le aiuole sono spuntati persino mensole e un carrello della spesa. Una situazione denunciata per l’ennesima volta dagli abitanti. “Terremo d’occhio via Petrarca – assicura Pipolo – senza perdere di vista le altre zone della città dove è più frequente l’abbandono dell’immondizia”.